FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Napoli, donna uccisa davanti a scuola elementare: ricercato il marito | Lui in una lettera: "Mi farò giustizia"

A sparare sarebbe stato il marito, da cui la vittima si stava separando, che si è poi allontanato in scooter. La 31enne aveva appena accompagnato la figlia in classe

Una donna di 31 anni, Immacolata Villani, è stata uccisa a colpi di pistola davanti a una scuola elementare nel quartiere di Boccia al Mauro di Terzigno, in provincia di Napoli. A sparare molto probabilmente il marito, che poi si sarebbe allontanato a bordo di uno scooter. La donna aveva appena accompagnato la figlia a scuola. Pasquale Vitiello, da cui si stava separando in modo burrascoso, è ricercato dalle forze dell'ordine.

Napoli, donna uccisa davanti a una scuola elementare

Secondo la prima ricostruzione dei carabinieri, che hanno ascoltato le testimonianze di genitori di altri alunni, la donna era uscita dalla scuola dopo aver accompagnato la figlia ed era salita in auto, all'interno della quale sembra ci fosse un'altra donna. Alla vettura si è avvicinato un uomo a bordo di uno scooter che le ha intimato di scendere perché dovevano parlare. Poco dopo, mentre discutevano sotto la pioggia, si è sentito uno sparo e l'assassino è scappato.

Il fatto si è verificato dopo una decina di minuti dall'inizio delle lezioni, quindi nessun bambino ha assistito alla scena. Gli studenti sono stati fatti allontanare da un'uscita laterale per evitare di passare davanti al cadavere della donna.

Bambina ancora non sa della morte della madre - La figlia di Immacolata Villani, per alcune ore non ha saputo della morte della madre. La bambina, di 9 anni, ha ricevuto l'aiuto dei servizi sociali del Comune.

Marito in una lettera: "Mi farò giustizia" - Il marito della vittima ha lasciato, nell'abitazione della coppia dove viveva da solo ormai, venti lettere, in una delle quali annunciava le sue intenzioni omicide, promettendo di "farsi giustizia da sé". La coppia si stava separando. L'uomo, figlio di un direttore di banca, lavora nell'indotto dell'Alenia, azienda aerospaziale. Immacolata Villani, dopo l'avvio delle procedure di separazione, viveva con il padre in una frazione rurale di Pellegrini, nel comune confinante di Boscoreale.

Picchiata, vittima denunciò il marito - Immacolata Villani e Pasquale Vitiello non vivevano più assieme dal 4 marzo. Quella sera una discussione in presenza della figlia si trasformò in un acceso confronto tra marito e moglie fatto di calci, spintoni e insulti, al quale - secondo la denuncia presentata ai carabinieri - avrebbe preso parte attivamente anche la suocera di Immacolata. La donna raccontò tutto nella querela presentata ai carabinieri cui fece seguito una controquerela presentata dalla suocera pochi giorni dopo.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali