FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Allarme medici chirurghi: bisturi non tagliano, rischio doppio per i pazienti

Denuncia dellʼAcoi: "La mediocre qualità degli strumenti utilizzati ha conseguenze sia estetiche sia infettive". Il ministero: risparmiare non significa venir meno alla qualità

Allarme medici chirurghi: bisturi non tagliano, rischio doppio per i pazienti

La ricerca di un prezzo sempre più basso ha ridotto in maniera drastica la qualità degli strumenti chirurgici al punto tale che "i bisturi in Italia non tagliano più". Lo dice Acoi, l'Associazione dei Chirurghi Ospedalieri Italiani che ha ricevuto segnalazioni da migliaia di medici in tutta Italia. La "mediocre qualità" dei bisturi ha conseguenze sia estetiche sia infettive. Il ministero della Salute replica: l'aspetto qualitativo è primario.

Diego Piazza, presidente dell'Acoi (Associazione Chirurghi Ospedalieri Italiani), spiega che "aumentando il trauma cutaneo per incidere una superficie, si aumenta il rischio di contaminazione batterica della ferita".

"E' evidente - prosegue - che dovendo aumentare la forza per incidere, si rischia di tagliare oltre le intenzioni dell'operatore. Quanto ai costi, possiamo affermare che si tratta di una scelta antieconomica, perché per uno stesso intervento può essere necessario utilizzare più bisturi, cosa che non si verificherebbe con un buon bisturi che, al contrario, potrebbe essere utilizzato più volte durante lo stesso intervento''.

Privilegiare il prezzo a scapito della qualità, si domanda Piazza, ''fino a fare scomparire quasi del tutto le caratteristiche minime di funzionalità del prodotto, addirittura dei dispositivi medici ad elevata tecnologia il cui malfunzionamento può avere effetti letali, che tipo di sicurezza e qualità forniamo ai nostri pazienti?".

Il ministero: prediligiamo comunque la qualità - "Nelle procedure per gli acquisti di forniture sanitarie esistono procedure di gare per l'offerta più vantaggiosa ma l'aspetto qualitativo è primario''. Lo precisa il direttore generale della programmazione sanitaria del ministero della Salute Renato Botti. ''L'obiettivo del ministero della Salute, che sta lavorando con il ministero dell'Economia - ha aggiunto Botti - è quello di individuare centri di competenza in grado di acquistare bene''.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali