FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Veronica Panarello, tolta la patria potestà sul secondo figlio. La sorella Antonella: "Hanno fatto bene"

A Pomeriggio Cinque in collegamento da Santa Croce Camerina la donna commenta ciò che è accaduto alla sorella

Veronica Panarello ha perso la potestà genitoriale nei confronti del figlio minore. La giovane donna in carcere con l’accusa di aver ucciso il piccolo Loris Stival a Santa Croce Camerina in provincia di Ragusa, non potrà neanche essere informata dell’evoluzione della crescita del suo secondogenito, che sarà sotto l’esclusiva responsabilità del padre, Davide Stival, il quale tra l’altro ha chiesto il divorzio dalla moglie.

A Pomeriggio Cinque parla in collegamento la sorella di Veronica, Antonella: “Il giudice ha fatto bene a decidere così. Dopo tutto ciò che ha fatto mia sorella tre anni fa cosa si aspettava, un “brava”? Il giudice è stato giusto. Ti dico che non ho contatti con nessuno nemmeno più con il padre dei miei nipoti. Il più piccolino ora ha sei anni e probabilmente non si ricorda più di sua mamma”, ha aggiunto Antonella ai microfoni di Barbara D’Urso.

“Veronica ha ucciso suo figlio, non ha fatto una cosa bella. Davide ha fatto bene a chiedere questa cosa ai giudici”, ha poi sottolineato la donna. Intanto l’avvocato della Panarello fa sapere ciò che la sua assistita gli ha riferito sulla vicenda: “Mio figlio deve sapere che la mamma ha fatto di tutto per poterlo incontrare”.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali