FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Treviso, stuprava la figlia e la "prestava" agli amici: prescritto, non andrà in carcere

Nonostante due condanne, lʼuomo resterà libero perché il procedimento è durato troppo a lungo

Prosciolto per intervenuta prescrizione: non andrà in carcere il padre di Conegliano (Treviso) condannato in primo e secondo grado per aver stuprato la sua bambina per otto anni, addirittura "concedendola" anche agli amici del bar. E questo nonostante la colpevolezza riconosciuta dai giudici d’Appello, che lo hanno condannato a risarcire la giovane vittima.

Le violenze - Secondo quanto riporta il Corriere del Veneto, i primi abusi risalirebbero al 1995, quando la piccola aveva solo otto anni. L’uomo, che si era appena separato dalla madre della bambina, trascorreva i fine settimana con la figlia. Ma invece di occuparsi di lei, la costringeva a umiliazioni e violenze. "Andiamo alle giostre", le diceva. Poi la portava a casa, la minacciava e la stuprava. Il padre, inoltre, "cedeva" la piccola agli amici del bar per sottoporla a ulteriori molestie.

La vicenda giudiziaria - La terribile storia è emersa nel 2003, quando la ragazza ha deciso di denunciare tutto. I giudici di primo grado hanno creduto al suo racconto, condannando il padre a dieci anni di carcere. Ma nonostante la sua colpevolezza sia stata riconosciuta anche in Appello, i giudici hanno decretato il non luogo a procedere. Il processo è durato troppo a lungo, raggiungendo i termini della prescrizione. Il pedofilo non andrà in carcere, né potrà essere processato per lo stesso reato.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali