FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Finanziamento Casinò, sequestro beni a 21 consiglieri della Valle dʼAosta

Il provvedimento è legato allʼinchiesta della Corte dei Conti della Valle dʼAosta per un presunto danno erariale di 140 milioni di euro

La guardia di finanza ha notificato il sequestro di immobili e conti correnti a 21 consiglieri ed ex consiglieri regionali valdostani. Il provvedimento è legato all'inchiesta della Corte dei Conti della Valle d'Aosta sul finanziamento e le ricapitalizzazioni pubbliche del Casinò di Saint-Vincent con un presunto danno erariale di 140 milioni di euro.

I sigilli sono stati messi a 151 tra immobili e terreni sequestrati presso le conservatorie dei registri immobiliari in Valle d’Aosta e nelle province di Sassari, Savona e Alessandria per un valore catastale di 6.600.000 euro, e un corrispondente valore di mercato di circa venti milioni di euro. Sequestrati anche 81 tra conti correnti, conto titoli e altre forme di investimento presso 31 istituti di credito, società di gestione del risparmio e società fiduciarie.

Il sequestro riguarda gli ex presidenti della Regione Augusto Rollandin e Pierluigi Marquis, il senatore Albert Lanièce, il presidente del Consiglio Valle Joel Farcoz, gli assessori regionali Mauro Baccega, Emily Rini e Aurelio Marguerettaz, i consiglieri regionali Luca Bianchi, Stefano Borrello, David Follien, Antonio Fosson, Giuseppe Isabellon, André Lanièce, Marilena Peaquin, Claudio Restano e Renzo Testolin, gli ex consiglieri Leonardo La Torre, Ennio Pastoret, Marilena Peaquin, Ego Perron e Marco Vierin.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali