FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
DirettaCanale 51

Sentenza Meredith, Sollecito: ora ritorno a vivere

Il giovane: "Sono immensamente felice, mi ha restituito dignità e libertà"

- "Sono immensamente felice, torno a riprendermi la mia vita". Lo ha affermato Raffaele Sollecito, che ha atteso la sentenza di assoluzione nella sua casa di Bisceglie (Bari). "Quella stessa magistratura che mi ha condannato ingiustamente - ha aggiunto - mi ha restituito oggi la dignità e la libertà". Finalmente abbiamo avuto giustizia. Ci abbiamo messo otto anni e abbiamo avuto finalmente quello che noi meritavamo", ha aggiunto il padre.

    "Finalmente - ha detto a Quarto Grado Francesco Sollecito - ci sono stati dei giudici che hanno capito fino in fondo che Raffaele mai avrebbe potuto pensare di fare una cosa così orribile, quale quella per la quale era stato ritenuto responsabile". Risarcimento morale lo possono riconoscere soltanto i giudici di questa Suprema Corte che hanno pronunciato questa splendida sentenza. Non c’è possibilità di ricompensare tutta la sofferenza che abbiamo dovuto patire in tutti questi anni". "Abbiamo preferito aspettare la sentenza a casa perché non c'è luogo più accogliente. La prima cosa che faremo domani è pensare finalmente liberamente al futuro di Raffaele". conclude l'uomo.

    "Raffaele mi ha detto di essere incredulo, perché da questo momento in poi può sentirsi quasi come una persona normale... potrà pensare alla sua vita, a studiare e a trovarsi un lavoro... come se questo processo, per lui fosse diventato una parte della vita, una spina nel cuore che lo ha accompagnato per otto anni. Lui, essendo innocente, sapeva che prima o poi sarebbe stata riconosciuta questa innocenza". Così ai microfoni di Quarto Grado, l’avvocato Giulia Bongiorno. "Raffaele Sollecito ha dato dimostrazione di come si può affrontare un processo duro a testa alta. Non l'avete mai sentito urlare, recriminare o prendersela con i giudici. Nemmeno quando gli hanno dato torto. Gli va dato atto della sua grande forza. A lui e suo padre". E conclude: "Non è un processo di quelli che si concludono con un nulla di fatto. Non c'è da cercare nessun altro complice".

    La gioia di Raffaele

    La gioia di Raffaele

    di Rossella Ivone

    Bongiorno: processo a testa alta

    Bongiorno: "Sollecito, processo a testa alta"

    TAG:
    Sollecito
    Meredith
    Amanda
    Bongiorno