FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Ondata di maltempo in Toscana: sei morti e una dispersa nel Livornese | La Procura apre unʼinchiesta

Tra le vittime un bambino di 4 anni, deceduto in un seminterrato assieme ai genitori e al nonno. Il sindaco Nogarin a Tgcom24: "La città è stata devastata"

Emergenza maltempo in Toscana, in particolare a Livorno, dove sei persone sono morte e due risultano disperse. Tra le vittime un bimbo di 4 anni, deceduto in un seminterrato assieme ai genitori e al nonno, morto dopo aver salvato l'altra nipote. Il sindaco Filippo Nogarin a Tgcom24: "La città è stata devastata". Allagata la stazione dei treni, interrotta la Tirrenica. La Procura ha aperto un'inchiesta sulla gestione del nubifragio.

Maltempo a Livorno: una famiglia distrutta, città allagata

La situazione di emergenza sta lentamente tornando alla normalità a Livorno, dopo il nubifragio che ha colpito la città nella notte tra sabato e domenica. Il bilancio è salito a sette morti dopo il ritrovamento del cadavere di una 34enne, Martina Bechini, mentre manca all'appello un 67enne. Una famiglia domenica è stata distrutta: un papà e una mamma, il loro figlio di 4 anni e il nonno; è rimasta viva solo la loro bimba di 3. Intanto squadre della Protezione civile e dei vigili del fuoco sono al lavoro per rimuovere il materiale di ingombro presente su tutto il territorio. Molti i cittadini che stanno aiutando in autonomia per spalare fango o liberare le strade dai detriti sui percorsi lungo i luoghi di tracimazione.

leggi tutto

Nogarin a Tgcom24: "Situazione critica" - "La situazione è molto problematica, critica, spero non sia un disastro", ha affermato Nogarin a Tgcom24. "Ha piovuto tantissimo, ci sono grosse difficoltà, sono esondati alcuni corsi d'acqua, vengono segnalati smottamenti a Montenero", ha aggiunto il primo cittadino. Dopo una riunione convocata dalla prefettura al centro coordinamento soccorso, Nogarin ha affermato che "la situazione sta migliorando".

"Le vie di comunicazione vengono piano piano ripristinate tutte anche se rimane chiusa la linea ferroviaria tirrenica. Abbiamo ancora 2.700 famiglie senza energia elettrica", ha sottolineato ancora il sindaco livornese dopo il vertice al quale ha partecipato anche il governatore della Toscana, Enrico Rossi.

Mattarella: "Cordoglio alle famiglie, politica rifletta sul clima" - Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha espresso il suo cordoglio e la sua solidarietà ai familiari delle vittime dell'alluvione. "Questa ennesima calamità provocata da straordinario maltempo dovrà sollecitare al più presto nel mondo politico una riflessione, seria e approfondita, sugli effetti dei cambiamenti climatici e su come difendere efficacemente il nostro territorio", ha affermato il Capo dello Stato.

Amatrice annuncia una raccolta fondi - "Un pensiero agli amici di Livorno. Amatrice non dimentica. Provvederemo immediatamente ad organizzare una raccolta fondi per aiutare i nostri amici". È quanto scrive sulla sua pagina Facebook il sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi.

Gentiloni: "Pieno sostegno del governo" - "L'Italia tutta abbraccia Livorno. Vicinanza alle famiglie delle vittime, pieno sostegno a sindaco e Regione per fronteggiare l'emergenza". Lo ha scritto su Twitter il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni.

Chiesto lo stato di calamità - "Abbiamo chiesto lo stato di calamità", ha poi riferito il sindaco. "Livorno è stata devastata dal maltempo come mai prima d'ora", ha scritto su Twitter. "In due ore stanotte sono caduti 250 millimetri di pioggia. Una bomba d'acqua più intensa di quanto lasciava presagire l'allerta meteo".

Resterà ancora, "almeno fino a lunedì", l'allerta arancione diramato sabato dalla Regione Toscana. Lo ha detto il prefetto Anna Maria Manzone, precisando che i Comuni di Livorno e Collesalvetti hanno complessivamente una novantina di persone che stanotte verranno ospitate nei palasport di Rosignano e di Livorno.

Evacuato un camping - Si segnalano gravissimi danni specie nella zona sud, con scantinati e strade invase dall'acqua e auto spazzate via. La situazione più critica nei quartieri di Collinaia e Ardenza e Montenero, per l'esondazione di alcuni dei torrenti cittadini e il fango che ha invaso gli scantinati delle case. Persone sfollate nel quartiere di Salviano, mentre a Quercianella nella zona della stazione si è registrata una frana che ha interessato l'Aurelia. In particolare nel Livornese, a Quercianella, è stato evacuato un campeggio.

50 persone dormiranno in strutture dei Comuni - Alla fine sono solo due le richieste di una sistemazione per la notte arrivate alla prefettura di Livorno tra le persone evacuate. Una riguarda un condomino di 20 persone che è in attesa di riallaccio dell'energia elettrica, mentre a Stagno 29 persone sono state sistemate, in via precauzionale, in strutture alberghiere dal Comune di Collesalvetti. E' quanto comunica il Centro coordinamento soccorsi al termine della riunione presieduta dal prefetto Anna Maria Manzone.

Maltempo, allagamenti anche nel Pisano

Un violento nubifragio si è abbattuto in Toscana. Colpita anche Pisa, dove gli allagamenti hanno interessato anche alcuni ospedali come Cisanello e Santa Chiara.

leggi tutto

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali