FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

In carcere da innocente per 22 anni, ora chiede 66 milioni di euro

Giuseppe Gulotta, la cui confessione venne estorta dai carabinieri con minacce e torture, è stato assolto nel 2012

In carcere da innocente per 22 anni, ora chiede 66 milioni di euro

Giuseppe Gulotta, vittima di uno degli errori giudiziari più gravi mai avvenuti in Italia, ha chiesto un risarcimento di oltre 66 milioni di euro per aver scontato ingiustamente quasi 22 anni di carcere. la richiesta è stata depositata al Tribunale di Firenze: nell'atto vengono citati, tra gli altri, la presidenza del Consiglio, il ministero dell'Interno, il ministero della Difesa e il ministero dell'Economia.

Gulotta venne arrestato nel gennaio del 1976 per l'omicidio di Salvatore Falcetta e Carmine Apuzzo, due carabinieri della stazione di Alcamo Marina, nel Trapanese. Allora 18enne, Gulotta venne condannato all'ergastolo, ma dopo 9 processi e 22 anni di carcere ingiusto, nel 2012 è stato assolto dalla corte d`Appello di Reggio Calabria che ha stabilito come la confessione venne estorta con sevizie e torture da parte dei carabinieri.

Nella vicenda erano state coinvolte altre tre persone, poi risultate innocenti come Gulotta: Vincenzo Ferrantelli, Gaetano Santangelo e Giovanni Mandalà: quest'ultimo , morto nel 1998, è stato assolto nel 2014.

Il legale di Gulotta, Baldassarre Lauria, spiega che "ci sono due aspetti che sono contenuti nell'atto: il primo riguarda la responsabilità dello Stato come tale per non aver codificato negli anni il reato di tortura. Il secondo profilo è quello che attiene agli atti di tortura posti in essere in una sede istituzionale (la caserma dei carabinieri, ndr) da personale appartenente all'Arma che ha generato un gravissimo errore giudiziario".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali