FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Follonica, nomadi rinchiuse in un gabbiotto dei rifiuti: tre denunciati

I tre dipendenti della Lidl hanno ripreso il sequestro con il loro telefonino per poi postare il video delle urla su Facebook dove è montata la polemica. La catena di supermercati prende le distanze

Montano le polemiche su Facebook dopo che tre dipendenti della Lidl di Follonica (Grosseto) hanno rinchiuso due donne nomadi in un gabbiotto dei rifiuti e hanno ripreso con un telefonino le loro urla per poi postare la bravata sul social network. I tre lavoratori sono stati denunciati dai carabinieri, che, dopo aver visto le riprese, hanno rintracciato le due donne. La Procura ha aperto un fascicolo per sequestro di persona. Lidl Italia ha preso le distanze dal gesto.

Lidl Italia su Facebook: "Prenderemo provvedimenti" - Lidl Italia ha preso le distanze dai tre dipendenti e ha promesso di adottare i provvedimenti necessari. "Siamo venuti a conoscenza del video diffuso in Rete. Prendiamo le distanze senza riserva alcuna dal contenuto del filmato che va contro ogni nostro principio aziendale. Lidl Italia si dissocia e condanna fermamente comportamenti di questo tipo. L'Azienda sta verificando le circostanze legate al video e si avvarrà di tutti gli strumenti a disposizione, al fine di adottare i provvedimenti necessari nelle sedi più opportune", scrive Lidl Italia su Facebook.

Le immagini della "prigionia" - La "prigionia" delle due donne, sorprese dagli addetti a prendere carta e cartone dai cassonetti, è durata pochi minuti ma il video postato su Facebook ha totalizzato in poche ore oltre 300mila visualizzazioni. Nelle immagini si vede il gabbiotto e due degli addetti che ridono e dicono alle due donne che è vietato entrare in quell'area mentre un terzo riprende la scena. Poi l'inquadratura si sposta sulla parte superiore del gabbiotto e si vedono le due donne urlare e disperarsi.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali