FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Firenze, sgominato traffico internazionale di droga: 20 arresti

La cocaina importata dal cartello aveva addirittura un suo logo, "Bello", impresso sui panetti


Nel corso di una maxi operazione internazionale antidroga, la polizia di Firenze ha sgominato un cartello criminale considerato "leader dei gruppi albanesi specializzati nel traffico di droga in ambito continentale". Sono 20 le persone arrestate nel blitz. Sono stati sequestrati oltre 5,5 milioni di euro e quasi 4 tonnellate di cocaina.

L'indagine è stata condotta nell'ambito di un "Joint Investigation Team" costituito dal Servizio centrale operativo della Direzione centrale anticrimine, dalla squadra mobile di Firenze, dalla Finec olandese e dalla Direzione centrale per i servizi antidroga, con il coordinamento di Eurojust ed Europol, della Direzione nazionale antimafia e antiterrorismo e della Direzione centrale della polizia criminale.

 

Sequestrati oltre 5,5 milioni di euro e quasi 4 tonnellate di cocaina In totale sono state disposte 31 misure di custodia cautelare, mentre 20 sono le persone arrestate. Sequestrati oltre 5,5 milioni di euro e quasi 4 tonnellate di cocaina. Gli arrestati sono accusati a vario titolo di associazione a delinquere finalizzata al traffico internazionale di stupefacenti, detenzione e spaccio di droga. Gli arresti hanno riguardato le città di Firenze, Genova, Modena, Pisa e Lucca, oltre a una serie di paesi esteri tra cui Albania, Belgio, Emirati Arabi Uniti, Germania, Grecia, Olanda, Romania, Ungheria e Ecuador.

 

Secondo l'accusa, i destinatari delle misure facevano parte del cartello "Kompania Bello", basato su un'organizzazione, spiegano gli investigatori della polizia, "in tutto e per tutto parallela a quella dei grandi cartelli sudamericani", da ritenersi "l'indiscusso e apicale punto di riferimento per i gruppi albanesi specializzati nel traffico di droga". La cocaina importata dal cartello aveva addirittura un suo logo, "Bello", impresso sui panetti. Il cartello aveva ramificazioni in Italia, Olanda, Belgio, Ecuador, Austria, Svizzera, Francia, Svizzera, Francia, Norvegia, Turchia, Germania.

 

Parte dei proventi derivati dalla vendita della cocaina era destinata al pagamento delle spese legali in caso di arresto degli associati e al mantenimento dei loro familiari.

 

La regola del "50 e 50" Il potente cartello della droga organizzava carichi di cocaina di diversi quintali per volta, seguendo la regola del cosiddetto "50 e 50", metà del carico era cioè di proprietà delle organizzazioni albanesi, metà di quelle sud americane.


 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali