FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Eutanasia: chiesto il rinvio a giudizio per Marco Cappato per la morte di Davide Trentini

Il leader dellʼassociazione Luca Coscioni fornì informazioni e assistenza logistica e finanziaria. Chiesto il processo anche per Mina Welby

Eutanasia: chiesto il rinvio a giudizio per Marco Cappato per la morte di Davide Trentini

Richiesta di rinvio a giudizio per Marco Cappato e Mina Welby per la morte di Davide Trentini, 53 anni, malato di Sla, deceduto un anno fa in Svizzera col suicidio assistito. Il 31 maggio si svolgerà a Massa l'udienza preliminare. Ad accompagnare Trentini fu Welby, copresidente dell'associazione Coscioni, Cappato fornì informazioni e assistenza logistica e finanziaria.

Trentini, ex barista di Massa, ammalatosi di Sla nel 1993, quando aveva 27 anni, scelse di andare a morire in una clinica di Basilea. Il giorno dopo la sua morte Cappato e Welby andarono ad autodenunciarsi dai carabinieri di Massa, venendo poi iscritti nel registro degli indagati dalla procura.

A ottobre 2017 l'avviso di chiusura indagini con la contestazione di aver rafforzato l'altrui proposito di suicidio e di aver agevolato l'esecuzione. A cercare i due esponenti dell'associazione Luca Coscioni era stata la madre di Trentini per conto del figlio: era stata lei a scrivere la prima email a Marco Cappato per chiedere aiuto per Davide, che voleva morire il prima possibile, soffrendo pene e dolori atroci.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali