FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Strage di Nizza, ancora nessun risarcimento per i parenti dei cinque morti italiani

Si attende la sentenza che riconosca le persone coinvolte come vittime di attentato terroristico

Sono passati quasi due anni da quel 14 luglio 2016, quando a Nizza, sulla Promenade des Anglais, 86 persone sono state uccise da un camion-kamikaze. Tra gli italiani, cinque le vittime e sei i feriti. In due anni, né i parenti né coloro che sono rimasti invalidi hanno ricevuto i risarcimenti dallo Stato italiano, in attesa di una sentenza che riconosca le persone coinvolte come vittime di un attentato terroristico.

Tra loro Gaetano Moscato, 72 anni, che, quella notte, si era buttato sui nipoti per fare loro da scudo perdendo una gamba. Non avendo ricevuto alcun risarcimento, ha dovuto pagare tutto di tasca sua: cure, riabilitazione e protesi.

Piero Massardi, invece, quella notte ha perso la moglie Carla, mentre la figlia 14enne è rimasta ferita. Nonostante alla ragazza siano stati riconosciuti gradi di invalidità, anche in questo caso Piero non ha ricevuto ancora alcun risarcimento.

Da chiarire la seguente circostanza. La Francia aveva corrisposto 20mila euro per ogni vita spezzata, una cifra che verrà scalata dai 200mila che lo Stato verserà quando sarà emessa una sentenza che riconosca quei morti come vittime di un attentato terroristico.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali