FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Ecco Leo, il cane che ha trovato la piccola Giorgia sotto le macerie del terremoto

La Polizia di Stato presenta il labrador di quattro anni che ha permesso ai soccorritori di salvare una vita

E' grazie a Leo se i soccorritori hanno potuto estrarre dalle macerie la piccola Giorgia ancora in vita. Si tratta di un labrador di in servizio da circa tre anni presso Squadra cinofila della Questura di Pescara. Leo è speciallizzato nel soccorso di persone disperse e lavora insieme all'Agente Scelto Matteo Palladinetti che racconta: "dopo soli 40 secondi dal nostro arrivo sul posto è riuscito ad individuare il punto esatto in cui si trovava la bambina. Allora abbiano iniziato a scavare e dopo nove ore abbiamo estratto Giorgia. E' stata una grande emozione".

Leo insieme al suo conduttore ha conseguito la sua specializzazione mediante un apposito corso della durata di cinque mesi presso il Centro di Coordinamento dei Servizi Cinofili della Polizia di Stato di Nettuno. Come tutte le altre unità cinofile della Polizia di Stato anche di altre specializzazioni (antidroga, antiesplosivo, ecc.) Leo si addestra quotidianamente così da mantenere sempre ai massimi livelli la sua capacità d’individuare la presenza di persone, rilevando le tracce odorose emesse da corpo umano anche a notevole distanza.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali