FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Strage di via DʼAmelio, 25 anni dopo lʼItalia ricorda Paolo Borsellino e la sua scorta

Sulla strage di via DʼAmelio pendono ancora pesanti interrogativi, a partire da chi siano stati i mandanti esterni

Sono passati 25 anni dal 19 luglio 1992, quando una Fiat 126 rubata con cento chili di tritolo saltò in aria in via D'Amelio a Palermo, all'altezza del civico 21, uccidendo Paolo Borsellino e cinque agenti della sua scorta: Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina. Unico sopravvissuto l'agente Antonino Vullo. Diverse le manifestazioni in tutta Italia in ricordo del giudice antimafia.

Strage di via DʼAmelio, lʼItalia ricorda Paolo Borsellino

L'Italia ricorda la strage di via D'Amelio in cui persero la vita Paolo Borsellino e cinque uomini della sua scorta. Era il 19 luglio 1992, quando una Fiat 126 contenente circa 90 chilogrammi di esplosivo saltò in aria in via Mariano D'Amelio 21 a Palermo, sotto il palazzo dove viveva la madre di Borsellino, presso la quale il giudice quella domenica si stava recando in visita. L'attentato, di stampo mafioso, fu il secondo nel giro di due mesi: il 23 maggio 1992 era toccata la stessa sorte a Giovanni Falcone, rimasto ucciso nella strage di Capaci.

leggi tutto

In quel palazzo Borsellino era andato a fare visita alla madre. Ci sarà una seduta straordinaria dell'assemblea plenaria del Csm in ricordo delle vittime della strage mafiosa alla presenza del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

Proprio davanti al Consiglio superiore della magistratura il 31 luglio del 1988 Borsellino era stato convocato dopo le interviste rilasciate a La Repubblica e L'Unità, nelle quali denunciava il preoccupante stato di smobilitazione del pool antimafia di Palermo. Borsellino parlò per oltre quattro ore, condannando l'inadeguatezza dei mezzi di contrasto attivati dallo Stato contro la mafia. Il pomeriggio dello stesso giorno veniva ascoltato anche Giovanni Falcone. Quest'ultimo sarà ucciso il 23 maggio 1992 nell'attentato di Capaci. Paolo Borsellino 57 giorni dopo di lui.

Depistaggi e dubbi - Sulla strage di via D'Amelio pendono ancora pesanti interrogativi, a partire da chi siano stati i mandanti esterni. L'unico punto fermo, a distanza di un quarto di secolo e dopo un numero incalcolabile di depistaggi, è l'ergastolo per i boss Salvo Madonia e Vittorio Tutino inflitto ad aprile dalla Corte d'assise di Caltanissetta alla fine del processo Borsellino quater.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali