FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Sea Watch entrata nel porto di Lampedusa senza autorizzazioni | La capitana Carola indagata

Non si è ancora sbloccata la vicenda della nave della Ong olandese con a bordo 40 migranti. La Gdf è salita a bordo per una perquisizione

Non è ancora finita la vicenda della Sea Watch. I 40 migranti a bordo non hanno ancora toccato terra ma la nave, poco dopo l'una di notte di sabato è entrata nel porto di Lampedusa anche senza avere le autorizzazioni. Per i migranti, dopo l'ennesima giornata di trattative tra Roma e Bruxelles, uno spiraglio si è aperto con la disponibilità di cinque Paesi ad accoglierli. Intanto la capitana Carola Rackete è stata iscritta nel registro degli indagati.

Dopo tre giorni il comandante ha deciso di procedere nonostante la mancanza di autorizzazioni da parte delle autorità. La nave è rimasta per qualche minuto all'esterno del porto, bloccata da una motovedetta della Gdf, e poi ha fatto manovra per avvicinarsi alla banchina. "Basta, dopo 16 giorni entriamo in porto", ha scritto la Ong su Twitter.

E ora si aprono altre partite. Non solo perché la capitana è indagata, ma anche perché appena i migranti scenderanno a Lampedusa scatteranno le sanzioni amministrative previste dal decreto sicurezza.

I segnali che si fossero fatti dei progressi sono arrivati già in mattinata, quando il premier Giuseppe Conte, che a margine del G20 a Osaka ha avuto un lungo colloquio con il collega olandese Mark Rutte, ha annunciato che "tre o quattro paesi sono disponibili alla redistribuzione dei migranti della Sea Watch". In realtà i paesi sono cinque: Francia, Germania, Lussemburgo, Finlandia e Portogallo. Non c'è dunque l'Olanda, contro cui si scaglia nuovamente Matteo Salvini. "Il suo comportamento - dice - è disgustoso, se ne strafregano di una nave battente la loro bandiera. Ho scritto al ministro degli interni e non ho neanche ricevuto una risposta".

Il passo avanti non ha però ancora definitivamente sbloccato la situazione. Salvini non si fida e perciò
ribadisce che "prima di sbloccare la situazione si attendono precise garanzie su numeri, tempi e modi". Ma non solo. Ci sono anche tutta una serie di questioni tecniche da risolvere. Una su tutte, la volonta' dell'Italia di identificare i migranti appena scesi dalla nave senza però inserire i dati nel sistema Shenghen. Risolto il problema dei migranti, resta quello della Sea Watch. Salvini ha già detto più volte che la capitana deve essere arrestata e la nave sequestrata. Ma mentre per i provvedimenti nei confronti di Carola sarà la magistratura a decidere, per il sequestro della nave il prefetto di Agrigento si muoverà nelle prossime ore. Appena scesi i migranti farà scattare la sanzione (20mila euro se la Ong pagherà subito, fino a 50mila se impugnerà il provvedimento) e molto probabilmente disporrà il sequestro: al Viminale ritengono infatti il tentativo del comandante di entrare giovedì in porto come una "reiterazione" dei divieti previsti dal decreto sicurezza bis. E non si esclude la possibilità che vengano presi direttamente provvedimenti nei confronti della comandante.

Venerdì intanto si è mossa anche la magistratura, che finora ha tenuto volutamente un profilo defilato sulla vicenda per evitare di interferire con la trattativa politica. Ma il tempo sta per scadere. Nel pomeriggio la Guardia di Finanza e' salita a bordo della nave per acquisire documenti, materiale foto e video e ispezionare tutti i locali. In mattinata il procuratore di Agrigento Luigi Patronaggio e l'aggiunto Salvatore Vella hanno iscritto nel registro degli indagati per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina e rifiuto di obbedienza a nave da guerra la comandante Carola Rackete. Che però non sembra preoccuparsi. "Affronterò tutto con il supporto dei legali di Sea Watch, ora voglio solo che le persone scendano a terra" dice rispondendo in maniera dura all'ennesimo attacco del ministro. "Non ho tempo per i suoi commenti. Ho 60 persone di cui occuparmi, Salvini si metta in fila". Carola sarà interrogata nelle prossime ore e solo dopo i magistrati decideranno se disporre o meno il sequestro probatorio.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali