FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Razzismo, raid punitivo contro bengalesi a Palermo: 11 arresti 

Le indagini hanno fatto luce sullʼaggressione del titolare di un market etnico avvenuta alcuni mesi fa nel capoluogo siciliano

Arrestate a Palermo dalla polizia 11 persone che sarebbero responsabili di un raid punitivo a sfondo razziale. Gli 11, posti ai domiciliari, sono accusati di rapina e lesioni, aggravate dall'odio razziale. Le indagini della Squadra mobile hanno fatto luce su un episodio avvenuto a pochi mesi fa, quando una banda di giovani, armati di mazze da baseball, fece irruzione in un market etnico e aggredì il titolare e alcuni suoi connazionali del Bangladesh.

Le vittime furono picchiate con calci e pugni e una di loro, trascinata nel retrobottega del negozio, fu anche rapinata dell'anello che portava al dito.

 

Le indagini hanno accertato che la spedizione punitiva sarebbe scattata contro un cittadino bengalese, colto per strada in un atteggiamento ritenuto "inopportuno" e che per questo motivo era stato pesantemente redarguito. L'uomo fu aggredito con calci e pugni, conditi da espressioni ed epiteti razziali. La violenza si estese poi anche al gestore e agli avventori del market, anche loro bengalesi, dove la vittima aveva cercato rifugio.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali