FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Palermo, migrante blocca bus e sale sul tetto gridando "Libertà": denunciato

Si tratta di un 19enne originario della Costa dʼAvorio, ospite di una comunità in città. Lʼaccusa è di interruzione di pubblico servizio e resistenza a pubblico ufficiale

A Palermo un migrante di 19 anni ha prima bloccato con delle transenne un bus urbano dell'Amat, all'incrocio tra via Cavour e via Maqueda, e poi è salito sul tetto del mezzo pubblico e ha iniziato a urlare "Libertà". Non si conosce il motivo della protesta. Sono intervenuti vigili, polizia e i sanitari del 118 che hanno fatto scendere il giovane, nel frattempo rimasto a torso nudo, e lo hanno portato in ospedale. Per immobilizzarlo sarebbe stato utilizzato un taser. Il ragazzo, originario della Costa d'Avorio, è stato alla fine denunciato per interruzione di pubblico servizio e resistenza a pubblico ufficiale. Dopo essere stato portato in ospedale per controlli, è stato riaffidato alla comunità di Palermo che lo ospita.

Il conducente del bus, subito dopo essere stato bloccato, ha fatto scendere i passeggeri, in attesa dell'intervento dei soccorsi. Tanti i curiosi che hanno circondato il mezzo per assistere all'evolversi della situazione e riprendere quei drammatici momenti con lo smartphone. I video finiti successivamente sui social network stanno facendo il giro del web.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali