FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Palermo, bimbo nasce prematuro e con un tumore: muore dopo poco | Padre massacra i medici

Il piccolo era nato di 30 settimane, inutile unʼoperazione dʼurgenza per rimuore la massa tumorale. Lʼaggressore è stato denunciato

Ennesimo caso di violenza contro i medici in Sicilia ad opera, stavolta, di un uomo che non accettava la morte prematura del proprio bimbo. All'Ospedale pediatrico Di Cristina a Palermo è venuto alla luce un bambino di sole 30 settimane e aveva un grosso tumore. Inutile il tentativo fatto dei medici con una operazione per asportagli la massa tumorale: è morto dopo poco. Il padre non ha accettato la notizia e ha aggredito quattro medici.

Il bimbo prematuro era nato con un grosso tumore emangioendotelioma che arrivava al diaframma causandogli problemi respiratori, operato come extrema ratio ma con possibilità quasi nulle di farcela, è morto nell'ospedale dei bambini di Palermo e il padre, un giovane del popolare e periferico quartiere Zen, ha iniziato a discutere coi medici per poi passare alla violenza fisica: quattro medici feriti tra cui il primario di Chirurgia pediatrica Gloria Pelizzo.

Denuncia e contro denuncia - Il manager dell'ospedale Civico Giovanni Migliore e il dirigente del reparto di Terapia intensiva dell'ospedale pediatrico Di Cristina, Giuseppe Re hanno presentato due esposti contro il genitore violento che ha causato a un medico un trauma cranico e una prognosi di 30 giorni. I genitori del bambino hanno anche loro fatto una denuncia.

Giovanni Migliore sottolinea che "l'escalation di aggressioni ai medici e agli operatori degli ospedali non è più una questione di singoli e sporadici casi, ma sta assumendo sempre piu' i contorni di un fenomeno che non è più tollerabile". Il direttore generale annuncia che l'Arnas Civico-Di Cristina "si costituirà parte civile per chiedere giustizia e tolleranza zero nei confronti di chi risponde con la violenza ingiustificata al quotidiano impegno di competenza e sacrificio dei nostri professionisti in difesa dei bambini".

"Molti avvocati speculano sulle disgrazie" - Il deputato del M5s Giorgio Trizzino, direttore dell'ospedale Di Cristina in aspettativa precisa che "nella nostra società sembra farsi strada il 'divieto di morire'. Non dobbiamo consentire speculazioni di alcun tipo nei confronti della classe medica e contrastare in ogni modo quel fenomeno indecoroso di avvocati che ho personalmente trovato nelle corsie di degenza a proporre ai pazienti ed ai loro familiari azioni legali prive di ogni fondamento giuridico".

Paolo Petralia, direttore generale dell'Istituto Gaslini di Genova e presidente nazionale associazione ospedali pediatrici italiani, spiega che "il dolore, comprensibile, per la perdita di un figlio non giustifica alcuna reazione violenta. Di fatto, però, medici e operatori - a cui va la mia più profonda solidarietà e vicinanza - sono diventati ormai il parafulmine di dolore, disperazione ma anche di episodi di violenza gratuita che non intendiamo più far passare sotto traccia".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali