FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Corleone, moglie del boss Lo Bue fa richiesta per il reddito di inclusione: il sindaco blocca la procedura

La consorte del capomafia ha inviato la domanda per il sussidio di povertà a novembre. Il primo cittadino di Corleone apre un’indagine

È diventato un caso a Corleone la richiesta del reddito di inclusione di Maria Maniscalco, moglie del capomafia Rosario Lo Bue. La domanda per il sussidio, che prevede un sostegno per le famiglie con ISEE inferiore ai 6 000 euro, aveva già ricevuto il via libera del servizio per le Politiche Sociali del comune. È stato il sindaco Nicolò Nicolosi a bloccare tutto. La moglie del boss era anche stata contattata dagli uffici comunali e avvisata che la domanda non era corretta, visto che era stato inserito il marito detenuto nel nucleo famigliare. Nicolosi ha aperto ora un’indagine interna. Ma a Corleone non è la prima volta che i famigliari di un boss richiedono un sussidio. Già la figlia di Riina aveva inutilmente tentato di ricevere il bonus bebè dal Comune.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali