FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Catania, uccide la ex moglie in strada e poi si suicida: morto in ospedale

Lʼuomo avrebbe agito per gelosia: aveva infatti scoperto, tramite Facebook, che la donna aveva una relazione con un altro uomo

Una 58enne, Sara Parisi, è stata uccisa con colpi di pistola a Giarre, nel Catanese. L'omicidio è avvenuto in strada, vicino all'abitazione della donna. A sparare è stato l'ex marito, dal quale era separata da anni, che poi avrebbe tentato il suicidio con la stessa arma. L'uomo, soccorso e trasferito in elicottero in gravi condizioni in un ospedale di Catania, è morto poco dopo.

Secondo quanto ricostruito, la donna, una badande, era uscita di casa per andare al lavoro quando ha visto l'ex marito, Francesco Privitera, muratore di 58 anni, in strada, armato di pistola, e ha cercato di fuggire, inutilmente. E' stata infatti raggiunta e uccisa.

La coppia era separata da circa sei anni e aveva due figli: una viveva con la madre a Giarre e l'altro a Londra. La donna aveva anche un altro figlio da un precedente matrimonio. A spingere Privitera a commettere l'omicidio sarebbe stata la gelosia. L'uomo aveva infatti scoperto su Facebook che la vittima aveva una relazione con un altro uomo.

Gli investigatori stanno ora cercando di capire se il 58enne si sia volontariamente sparato un colpo di pistola all'addome, suicidandosi, o se il colpo sia partito accidentalmente, magari durante una colluttazione con un familiare della vittima che voleva disarmarlo.

L'uomo è stato sottoposto a un delicato intervento chirurgico nell'ospedale Cannizzaro di Catania ma è deceduto.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali