FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Catania, doppio "inchino" davanti alla casa di un boss durante la festa patronale

In centinaia per le strade stavano festeggiando la patrona, Santa Barbara, quando davanti alla casa di un noto esponente del clan Santapaola, attualmente detenuto, si è consumato "lʼomaggio"

Catania, doppio "inchino" davanti alla casa di un boss durante la festa patronale

Ancora un "inchino" in onore di mafiosi durante una festa patronale. Questa volta "l'omaggio" è arrivato nel corso della processione a Paternò, comune della provincia di Catania. In centinaia per le strade stavano festeggiando la patrona, Santa Barbara, quando davanti alla casa di un noto esponente del clan Santapaola, attualmente detenuto, si è consumato il doppio "inchino".

Catania, doppio "inchino" davanti alla casa di un boss durante la festa patronale

A "omaggiare" il boss, che abita vicino al Municipio, sarebbero stati due cerei, portati a spalla da alcuni portantini. Un gesto che non è passato inosservato ai carabinieri mischiati tra la folla.

Divieto di partecipare alle manifestazioni per i due gruppo organizzatori - I due cerei sono stati "fermati" dal Questore di Catania, Marcello Cardona, che, "su segnalazione del comando provinciale dei carabinieri, e su conforme orientamento del prefetto, ha disposto il divieto di partecipare allo svolgimento delle manifestazioni religiose dei due comitati organizzativi" da oggi a sabato prossimo, e anche a "quelle che eventualmente si terranno nel corso della cosiddetta 'ottava' nel comune di Paternò", il prossimo 12 dicembre.

Dondolamento davanti all'abitazione e bacio finale con il figlio del boss - "L'omaggio" è avvenuto tra le 12.55 e le 13.20: i carabinieri in servizio hanno constatato che due cerei si sono fermati davanti l'abitazione della famiglia mafiosa collegata al clan dei Santapaola. I portatori hanno eseguito a turno il classico "dondolamento", simulando un inchino riverenziale davanti al figlio del detenuto, dal quale si si sono congedati con il rituale del bacio finale.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali