FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Catania, bimbo 6 mesi morto in casa: madre indagata per maltrattamenti

Lʼautopsia sul corpo del piccolo avrebbe confermato che la frattura del braccio è intervenuta prima del decesso

E' stata indagata per maltrattamenti in famiglia la madre del bimbo di 6 mesi morto il 19 febbraio a Comiso (Ragusa). L'autopsia sul corpo del piccolo avrebbe confermato che la frattura del braccio, emersa da una Tac in ospedale, è intervenuta prima del decesso. La donna venerdì era stata a lungo interrogata in Questura.

La donna, una 36enne romena, ha altri cinque figli, due in Romania, due in Tunisia, mentre un'altra bimba che viveva con lei le è stata tolta dal Tribunale dei minorenni di Catania in via cautelare.

L'interrogatorio della madre - Nel corso dell'interrogatorio, che ha portato all'iscrizione nel registro degli indagati della 36enne, gli inquirenti hanno cercato di ricostruire le condizioni di salute del bambino e il modo in cui veniva tenuto in casa. L'autopsia ha infatti rivelato anche un pessimo quadro clinico del lattante che soffriva anche di una malattia congenita. Centrale inoltre anche il "buco" di ore intervenuto dall'ultima poppata alla chiamata al 118 per soccorrere il piccolo che era già morto al momento dell'arrivo del personale medico.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali