FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Caltanissetta, studenti in aula a luglio per recuperare le ore perse nellʼanno

Lʼordinanza del preside, dopo la riduzione delle ore di lezione a dicembre e gennaio a causa del malfunzionamento del riscaldamento

Caltanissetta, studenti in aula a luglio per recuperare le ore perse nell'anno

Milleduecento studenti e circa 120 professori dell'Istituto di istruzione superiore "Leonardo Da Vinci" di Niscemi (Caltanissetta) dovranno tornare a scuola, dal 17 al 22 luglio, per completare il numero di ore di presenza obbligatoria dell'anno scolastico. Lo ha deciso il preside, Fernando Cannizzo, dopo la riduzione delle ore di lezione a dicembre e gennaio per il mancato funzionamento degli impianti di riscaldamento.

L'ordinanza è stata emessa d'intesa con il consiglio d'istituto e col consiglio dei docenti, su ricorso di due professori che hanno ottenuto l'arrivo degli ispettori scolastici. Da dicembre a febbraio, ai ragazzi era stato concesso, su delibera del consiglio d'istituto, di ridurre non di 10 minuti (come previsto da circolare ministeriale in caso di forza maggiore) ma di 20 minuti ogni ora di lezione. Da un calcolo approssimativo, i docenti dovrebbero restituire 500 euro ciascuno per aver lavorato di meno, mentre i ragazzi dovrebbero tornare a scuola per colmare un ammanco di 60 ore. A rischio è ora l'esito dello scrutinio per gli studenti promossi e ammessi agli esami di maturità (ancora in corso).

Intanto, centinaia di famiglie si chiedono: che fare? Molti si accingono a partire per le vacanze, altre lo hanno già fatto. Resta l'incognita sugli effetti di questa ordinanza del preside che scaturisce da un ricorso presentato da due professori di matematica dello stesso istituto, Gaetano Giarracca e Vincenzo Traina, i quali hanno chiesto l'annullamento della immediata esecutività (a loro avviso mai votata) data a una delibera del consiglio d'istituto, nella quale si prevedeva la riduzione di 20 minuti per ogni ora di lezione, contrastata dal consiglio dei docenti.

Dai vertici scolastici regionali sono stati inviati degli ispettori che - secondo Traina - avrebbero cercato di "accertare anche eventuali danni erariali per la scuola, legati alla gestione dell'impianto di riscaldamento". Per lo stesso Traina, Rsu della Cgil, "il preside ha sbagliato allora a ridurre di 20 minuti l'ora di lezione e sta sbagliando ora con l'ordine di servizio ai docenti senza che sia stato deliberato dagli insegnanti l'apposito piano di recupero-ore, e dunque in violazione del contratto nazionale di lavoro della categoria".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali