FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Auto nel posto riservato a disabile, condannato per violenza privata

La Cassazione ha rigettato il ricorso di un automobilista, a Palermo, che aveva parcheggiato la vettura nellʼarea riservata a una donna. Lʼinfrazione del codice è stata risolta con una sentenza penale

Ha parcheggiato l'auto nel posto riservato ad hoc a una donna disabile per questo ha commesso una reato penale. E' la sentenza storica della Corte di Cassazione che ha rigettato il ricorso di un automobilista denunciato da una donna, condannandolo per violenza privata: il suo mezzo è rimasto fino alle 2 di notte nel parcheggio riservato alla disabile, fino cioè all'arrivo della polizia municipale di Palermo.

Come scrive il Giornale di Sicilia, "l'automobilista imputato aveva provato a difendersi sostenendo che la macchina era intestata a lui ma che era in uso a figlio e nuora. Tesi che, senza prove oggettive, è stata rigettata dai giudici".

Il caso non è stata risolto con una semplice multa per infrazione stradale ma con una condanna penale poiché "il parcheggio era "espressamente riservato a una determinata persona per ragioni attinenti al suo stato di salute" quindi "alla generica violazione della norma sulla circolazione stradale si aggiunge l'impedimento al singolo cittadino a cui è riservato lo stallo di parcheggiare lì dove solo a lui è consentito lasciare il mezzo".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali