FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Agrigento, insegnante morta di malaria dopo un viaggio in Nigeria | La famiglia: "Malattia non diagnosticata", indaga la Procura

Per una settimana è stata ricoverata in Rianimazione allʼospedale "San Giovanni di Dio". I medici hanno chiesto e ottenuto specifiche consulenze dagli ospedali di Palermo e Roma

Un'insegnante di 44 anni, Loredana Guida, è morta di malaria, dopo essere tornata da una vacanza in Nigeria. Per una settimana è stata ricoverata in Rianimazione all'ospedale "San Giovanni di Dio" di Agrigento, poi il decesso. I familiari accusano l'ospedale di non aver inizialmente diagnosticato la malattia, e la Procura ha aperto un'inchiesta, per ora a carico di ignoti, acquisendo le cartelle cliniche e disponendo l'autopsia.

Secondo i familiari la donna, accusando febbre e dolori al rientro da Lagos, si era recata in pronto soccorso, dove però sarebbe rimasta in attesa per 9 decidendo quindi di andarsene firmando le dimissioni.

 

La ricostruzione dell'ospedale Secondo Antonello Seminerio, direttore sanitario dell'azienda ospedaliera San Giovanni di Dio, "la paziente è arrivata una prima volta al pronto soccorso il 15 gennaio, alle ore 11:40 circa. Dopo circa 4 ore è stata visitata e presa in carico con un codice verde. Aveva febbre alta, sono stati eseguiti degli esami di routine. Però poi la paziente ha firmato le proprie dimissioni ed è andata via. E' ritornata dopo 5 giorni ma era già in coma, in condizioni critiche ed è stata quasi subito ricoverata in Rianimazione. Ci siamo confrontati anche con centri specialistici a Palermo soprattutto e a Roma per seguire i protocolli terapeutici previsti in questi casi". Non c'è ancora nessuna inchiesta interna. "Ci riserviamo tutte le azioni opportune - ha spiegato Seminerio - in base a quello che emergerà dalla documentazione".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali