FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Scuola, un esercito di laureandi per sostituire i 40mila prof No Vax

Con le graduatorie dei supplenti esaurite, i presidi cercano una soluzione per rimpiazzare, alla ripresa delle lezioni dopo le Feste, i docenti sospesi perché senza vaccino

Le vacanze di Natale sono alle porte per milioni di studenti, ma nelle segreterie è corsa contro il tempo, pensando alla ripresa delle attività didattiche dopo la pausa delle Feste. A gennaio, infatti, saranno ufficializzate le cifre dei docenti senza vaccino che perderanno la cattedra e bisognerà sostituirli. Dopo l'obbligo di vaccinazione introdotta il 15 dicembre, dei circa 50mila insegnanti No vax, un 20% sarebbe ricorso alla prima dose. Restano, dunque, 40mila prof, compresi quelli esentati dalla vaccinazione e che per questo non potranno lavorare a contatto con gli studenti, da sostituire. Ma come fare? Le graduatorie dei supplenti di ogni ordine e grado sono esaurite da mesi. Non resta che arruolare i laureandi, è l'idea dei presidi, come anticipa Il Messaggero.

I numeri - Dei 50mila insegnanti senza vaccino al 15 dicembre, giorno dell'introduzione dell'obbligo vaccinale per i lavoratori della scuola, (un 5% del totale del corpo insegnante, come aveva sottolineato Antonello Giannelli, presidente dell'Associazione nazionale presidi, dai quali escludere una metà di insegnanti esenti), un 20% si sta mettendo in regola.

 

 

In molti istituti, scrive Il Messaggero, viene consegnata in presidenza la prenotazione del vaccino o la certificazione di chi ha già fatto la prima dose nelle ultime ore. Per questi motivi, i numeri aggiornati parlano di circa 40mila prof No Vax, tra i quali ci sono anche quelli, non bisogna dimenticarlo, che, per motivi di salute, dichiarano di non potersi vaccinare tramite certificazione medica. Tutti costoro vanno, dunque, rimpiazzati.

 

 

Laureandi in cattedra: la proposta dei presidi - Per far fronte, dunque, a queste cattedre che resteranno scoperte e con le graduatorie dei supplenti esaurite da mesi, bisogna ingegnarsi. "Ormai le scuole - afferma a Il Messaggero la dirigente scolastica Cristina Costarelli, presidente dell’Associazione nazionale dei presidi del Lazio - chiamano attraverso le Mad, le Messe a disposizione, quindi fuori dalle graduatorie tradizionali. Poi si passa a chiamare anche i laureandi, è una necessità: la didattica va portata avanti, se non ci sono i docenti bisogna trovare una soluzione".

 

"La chiamata dei laureandi - spiega Costarelli - è regolamentata per la facoltà di Scienze della formazione, quindi per gli insegnanti delle elementari, ma viene di fatto estesa anche ad altre lauree per le superiori: per matematica e per le materie professionalizzanti degli istituti tecnici e professionali".

 

"Non posiamo lasciare le classi scoperte - conclude a Il Messaggero Valeria Sentili, dirigente dell’istituto comprensivo Morvillo di Roma - ho già chiesto le liste dei laureandi alle facoltà di Scienze della formazione della Sapienza e di Roma Tre per sapere su quante persone possono contare".

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali