FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Studenti "hackerano" sito università di Cagliari e rivendicano tutto sui social: denunciati

La Polizia Postale lancia lʼallarme sulle cellule di Anonymous: "Attacchi sempre più frequenti"

Studenti "hackerano" sito università di Cagliari e rivendicano tutto sui social: denunciati

Due studenti cagliaritani sono stati denunciati dalla Polizia per aver "attaccato" tre domini della Facoltà di Scienze della Comunicazione dell'Università di Cagliari e modificato le home page istituzionali con il logo "Anonplus - Anonymous" accompagnato da un testo di rivendicazione. L'attacco, che risale a marzo scorso, ha provocato seri disservizi al relativo corso di laurea. L'attività era stata rivendicata sui social  dalla stessa crew hacker.

L'indagine condotta dalla Polizia Postale di Cagliari ha portato quindi all'individuazione dei due studenti, un 26enne iscritto al Corso di Laurea Magistrale in Filosofia e Teorie della Comunicazione ed un 29enne iscritto al Corso di Informatica. Nel corso delle perquisizioni, disposte dalla Procura di Cagliari, nelle abitazioni dei giovani hacker, gli investigatori hanno rinvenuto e sequestrato materiale informatico, ora al vaglio degli inquirenti.

Allarme sulle cellule di Anonymous - E' in corso "una recrudescenza delle attività di hacking", ha poi fatto sapere la Polizia Postale. L'aumentata attività fa riferimento ad alcune cellule di Anonymous che, "sempre sotto l'egida del movimento madre, hanno condotto autonomamente attacchi informatici di diversa natura a siti di Enti Istituzionali". Tra le più attive è la cellula "Anonplus" di cui fanno parte i due studenti denunciati.

L'indagine a carico dei due giovani ha permesso di ricostruire alla Polizia lo scenario nel cui ambito gli indagati hanno pianificato e condotto i loro "attacchi". Una complessa e approfondita analisi dei log di connessione e l'analisi ed il riscontro delle rivendicazioni pubblicate da parte della crew hacker, ha consentito di individuare altri membri della cellula riconducibile ai vertici del movimento "hacktivista" Anonymous in Italia.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali