FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Roma, usava ambulanza per spacciare: arrestato dipendente ospedale

La scoperta nellʼambito dellʼinchiesta per truffa e peculato che vede coinvolti 14 dipendenti del Policlinico Umberto I

Roma, usava ambulanza per spacciare: arrestato dipendente ospedale

Un dipendente del Policlinico Umberto I di Roma è stato arrestato per aver utilizzato l'ambulanza per spacciare cocaina. E' quanto emerge dall'indagine che ha portato a tre arresti domiciliari, 7 denunce a piede libero e 4 interdizioni da pubblico ufficio. Stando a quanto emerso i dipendenti del nosocomio utilizzavano le vetture dell'ospedale per scopi privati. Inoltre avrebbero pilotato assunzioni in cooperative che si erano aggiudicate bandi.

Auto dell'Umberto I per andare a fare colazione o recarsi in centri estetici - Le indagini hanno inoltre rilevato come alcuni dei dipendenti avrebbero usato le auto dell'ospedale per recarsi a centri estetici o per andare a fare colazione, altri facessero rifornimento alle proprie vetture mettendolo in conto all'Umberto I e, infine, altri ancora si facessero timbrare il cartellino da colleghi compiacenti.

Le accuse mosse alle 14 persone coinvolte nell'inchiesta sono quelle di truffa e peculato. A dare il via all'indagine, iniziata nel 2014, è stato un esposto anonimo inviato al commissariato di San Lorenzo.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali