FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Rigopiano, indagata una funzionaria: "La mamma dei cretini..."

Daniela Acquaviva è stata ascoltata dai carabinieri forestali di Pescara. Eʼ indagata per lesioni colpose in concorso di colpa

"Purtroppo la mamma degli imbecilli è sempre incinta". Così rispondeva la funzionaria della prefettura di Pescara, Daniela Acquaviva, a Quintino Marcella, il ristoratore che aveva ricevuto una richiesta di aiuto da Giampiero Parete, superstite dell'Hotel Rigopiano. Era il 18 gennaio 2017 e in quei moenti si stava consumando il dramma. I morti furono 29. Per quelle parole, a distanza di un anno, la donna è stata iscritta nel registro degli indagati.

“Un atto dovuto”, spiega il legale della donna che è stata ascoltata ieri dai carabinieri forestali di Pescara. E' indagata per lesioni colpose in concorso. Lei si è difesa sostenendo di aver parlato così perchè dal 118 aveva saputo che la notizia del crollo risultava infondata. In quel giorno Acquaviva, impiegata nel settore economico e finanziario, risultò invece assegnata all'unità di crisi pur non avendo alcun potere decisionale.

Quella frase, però, è una ferita ancora aperta per i familiari delle vittime e per tutta la comunità di Farindola. L'inchiesta si snoda in tre diversi filoni. Ventitrè gli indagati, tra cui l'ex prefetto e il sindaco di Farindola, per diversi reati, fra i quali omicidio e disastro colposo e abuso d'ufficio.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali