FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

"Ridateci i gioielli della Corona": i Savoia citano in giudizio lo Stato

Il tesoro sarebbe formato da 6.732 brillanti e 2mila perle, di diverse misure, montati su collier, orecchini, diademi e spille varie

Vittorio Emanuele di Savoia
tgcom24

Gli eredi di Umberto II di Savoia rivogliono i gioielli della Corona, custoditi in un caveau della Banca d'Italia dal giugno 1946. Per questo, il principe Vittorio Emanuele e le principesse Maria Gabriella, Maria Pia e Maria Beatrice citeranno in giudizio la presidenza del Consiglio, il ministero dell'Economia e la Banca d’Italia.

"A differenza degli altri beni, questi non sono mai stati confiscati e sono rimasti pendenti. Perciò devono essere restituiti", spiega l'avvocato degli eredi di Umberto II Sergio Orlandi. La citazione segue un tentativo di mediazione tenutosi martedì 25 gennaio, che ha avuto esito negativo.

 

"Abbiamo fatto l'incontro per la mediazione - dichiara l'avvocato -. Era presente il principe Emanuele Filiberto, che ha le deleghe degli eredi. La mediazione, che segue una diffida che avevo presentato, non ha avuto esito positivo. A questo punto, tra qualche giorno, procederemo alla citazione in giudizio, che a breve sarà depositata". "Andremo in fondo alla vicenda, siamo determinati”, sottolinea il legale.

 

I gioielli di cui i Savoia chiedono la restituzione sono custoditi all'interno di uno scrigno in un caveau della Banca d'Italia. Il tesoro sarebbe formato da 6.732 brillanti e 2mila perle, di diverse misure, montati su collier, orecchini, diademi e spille varie. 

 

"Già ieri (lunedì, ndr) la presidenza del Consiglio aveva fatto pervenire una prima comunicazione all'Adr center (sede dell'ufficio di mediazione, ndr) sostenendo che non avrebbero presenziato all'incontro fissato oggi (martedì, ndr) perché, a quanto si sostiene, quei gioielli non sarebbero beni personali ma in dotazione del Regno d'Italia. All'incontro erano presenti solo i rappresentanti della Banca d'Italia", conclude l'avvocato.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali