FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Reggio Emilia, eredita un miliardo di lire: per Bankitalia è carta straccia

Il tesoro della zia defunta non può essere riscosso perché la moneta è... scaduta

Reggio Emilia, eredita un miliardo di lire: per Bankitalia è carta straccia

Gabriele Costa, 40 anni, reggiano che ora vive a Vicenza, ha ereditato un miliardo di vecchie lire da una zia. Una grossissima cifra che avrebbe potuto e che ancora potrebbe cambiargli la vita, ma che per Bankitalia è solo carta straccia. Ebbene sì, trattasi di "moneta vecchia". Un tesoro scaduto. "Non possiamo fare nulla. Il termine per il cambio è scaduto nel 2012", si è sentito dire dallo staff della sede di Bankitalia, a Roma. Ma Gabriele non intende arrendersi. Per questo ha deciso di rivolgersi alla Fondazione Italiana Risparmiatori e di fare ricorso. Lo riporta Il Resto del Carlino.

La storia - La zia di Gabriele - nubile e senza figli - è venuta a mancare all’età di 78 anni. Prima di morire, ha nominato unico erede universale il nipote. Gabriele appunto, che dalla zia ha ereditato un appartamento a Reggio e il denaro. Ma poi la sorpresa. Perché, quando si è recato alla filiale di Bologna per sistemare le pratiche burocratiche, è stato informato che la zia conservava il suo denaro in una cassetta di sicurezza: "Quando l’ho aperta, ad ottobre scorso, ho trovato una montagna di banconote in vecchie lire, in tagli da 100, 200 e 500mila. Per una cifra totale di circa 985 milioni del vecchio conio - ha raccontato Gabriele a Il Resto del Carlino - Come mi sono sentito? Stupito e immancabilmente contento. Ma subito dopo ho proprio pensato: adesso mi faranno storie".

E, infatti, così è stato. Spinto da questo presentimento, Gabriele si è precipitato a Roma, nella sede di Bankitalia. Ed è qui che ha scoperto che quel tesoro potrebbe non riceverlo mai, perché il termine per il cambio lire-euro è scaduto nel 2012. "Io non potevo saperlo prima", ha detto Gabriele, riferendosi all'eredità. Per questo, ha deciso di far scattare il ricorso e di rivolgersi alla Fondazione Italiana Risparmiatori.

"Se è vero che era stato stabilito un termine decennale - ha spiegato Roberto Iannuzzi, membro dell’associazione - ovvero dall’entrata in vigore dell’euro, nel 2002, dunque fino al 2012 utile per il cambio lire-euro, è altrettanto vero, come sostiene ampiamente la giurisprudenza, che qualsiasi termine di prescrizione o decadenza decorre da quando il soggetto è posto in grado di far valere il proprio diritto. Quindi, in questo caso, i dieci anni devono decorrere dal giorno del ritrovamento dei soldi, ossia ottobre scorso". La speranza del 40enne è di poter recuperare il denaro. Chi vivrà, vedrà...

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali