FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Ilva, sciopero di quattro ore a Taranto contro gli esuberi

La mobilitazione in concomitanza con il nuovo vertice al Mise, convocato per discutere dei piani industriali

Ilva, sciopero di quattro ore a Taranto contro gli esuberi

I sindacati sono passati all'azione sull'Ilva. Il Consiglio di fabbrica ha proclamato uno sciopero per le ultime quattro ore del primo turno di oggi, con presidio sotto la portineria della direzione a Taranto. La mobilitazione è avvenuta in concomitanza con il nuovo vertice al Mise per discutere dei piani industriali presentati dalle due cordate interessate a rilevare l'azienda, che prevedono migliaia di esuberi.

In una nota, i sindacati "respingono con forza i numeri degli esuberi presentati da entrambe le cordate nei loro piani che risultano così non negoziabili" e si dichiarano "indisponibili a negoziare sui piani industriali presentati, che vanno riscritti garantendo salute, ambiente, occupazione e salari".

Fim, Fiom, Uilm e Usb ribadiscono "la necessità di costruire una piattaforma rivendicativa che preveda il coinvolgimento della città". "Ambiente, salute e lavoro sono - si legge ancora - imprescindibili per il rilancio di Ilva e della provincia ionica già fortemente in crisi".

Mise: "Nessun lavoratore sarà lasciato solo" - Fonti del ministero dello Sviluppo economico assicurano però che "nessun lavoratore" dell'Ilva "sarà licenziato e/o lasciato privo di protezione" e "tutti i lavoratori non assunti dall'acquirente rimarranno in capo all'amministrazione straordinaria per la durata del programma e potranno essere impiegati nelle attività di decontaminazione eseguite dalla procedura". Le fonti precisano anche che i numeri dei tagli previsti nell'offerta presentata da Am Investco sono "suscettibili di miglioramento, per espressa dichiarazione di disponibilità dell'offerente".

In riferimento alle interpretazioni relative alle proposte di acquisto di Ilva, le stesse fonti sottolineano che "la produzione di Ilva è limitata per i prossimi anni a 6 milioni di tonnellate, fino al completamento del piano ambientale. Tale limite costituisce una prescrizione del Ministero dell'Ambiente per garantire il rispetto degli standard emissivi". Oggi l'organico delle società Ilva oggetto del trasferimento è composto da 14.220 lavoratori ad oggi effettivi di cui circa 2.400 in cassa integrazione.

"La differenza tra la situazione attuale e quella post-acquisizione sarebbe dunque - si sottolinea - di circa 2.400 persone in più in cassa integrazione. L'offerta di Am Investco prevede l'assunzione di 9.407 lavoratori, mentre resterebbero in cassa integrazione nell'amministrazione straordinaria 4.813 persone". "Tale offerta è suscettibile di miglioramento, per espressa dichiarazione di disponibilità dell'offerente e sarà oggetto di un confronto con i sindacati nella trattativa per il raggiungimento dell'accordo sindacale. Tale accordo è condizione sospensiva per il trasferimento all'acquirente dell'azienda".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali