FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Pordenone, la pornoprof: "Io sospesa 6 mesi per un seno nudo, le insegnanti che picchiano i bambini 7"

Anna Ciriani, ospite di Pomeriggio Cinque, torna sullo scandalo che l’ha travolta e accusa il sistema scuola

"Per un seno nudo mi hanno sospeso sei mesi mentre le insegnanti che picchiano e sputano i bambini vengono sospese per sette mesi, questa è una vergogna". A parlare in diretta a Pomeriggio Cinque è Anna Cirirani, la sexy prof di Pordenone finita al centro dello scandalo nel 2006 quando, ancora precaria, è salita agli onori della cronaca nazionale per la diffusione di un video che la vede protagonista alla fiera dell'eros di Berlino.

"Se nella mia vita privata voglio andare alla fiera dell’eros piuttosto che andare a vedere un film di Malena (pseudonimo dell’attrice hard Filomena Mastromarino) posso farlo, l’importante è che in classe ci si comporti bene", dice ancora la professoressa che poi parla dei club per scambisti che frequenta e fa una proposta a Barbara D’Urso. "Ma tu sei mai stata Barbara? Devi venire, faresti furore là dentro. Le milf sono gettonate", dichiara la Ciriani alla presentatrice che non si scompone: "Sai perché non vengo? Perché non ho nessuno da scambiare".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali