FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Pordenone, agente paga quasi 100mila euro di Iva per errore: lʼAgenzia delle Entrate non vuole restituirli

Tutta colpa di un punto messo al posto di una virgola: l’auto-compilazione online dellʼF24 si è trasformata in una tragedia

Pordenone, agente paga quasi 100mila euro di Iva per errore: l'Agenzia delle Entrate non vuole restituirli

Una svista da 100mila euro, anzi, per la precisione 96.730. E così per un agente di commercio di Pordenone l’auto-compilazione online dell’F24 per pagare l’Iva trimestrale si è trasformata in una tragedia. Un importo nella norma, per un professionista che opera nel settore delle forniture di caffè: 967,30 euro. Ma in un attimo quella virgola diventa un punto, messo al posto sbagliato: 96.730 euro, clicca, invia, stampa. Poi la scoperta dell'errore e il tentativo, finora vano, di correre ai ripari. Dai funzionari dell’Agenzia delle Entrate la doccia fredda: nessun rimborso immediato, ma la "garanzia" di una compensazione dei futuri debiti. Tradotto significa che serviranno circa 25 anni per pareggiare i conti con lo Stato.

"Quanto accaduto ha dell’incredibile – racconta Luca Schiavon a La Stampa - nella mia intera carriera professionale non ho mai avuto così tanto denaro disponibile nel conto corrente. È accaduto che di recente avessi venduto un immobile e mi stessi guardando attorno per decidere come investire il ricavato. Senza quei soldi, il sistema automatico avrebbe rifiutato il pagamento, per mancanza di liquidità, e mi sarei accorto di quel maledetto punto al posto della virgola".

Il bello è che per i funzionari del Fisco non c'è nessuna anomalia: "Il sistema dei rimborsi è standardizzato - spiega Antonio Cucinotta, direttore dell’Agenzia di Pordenone - e noi non possiamo interpretarlo. Tanto più che la dichiarazione sul 2016 sarà disponibile solo il prossimo anno e unicamente in quel momento sarà possibile confermare la veridicità delle affermazioni del contribuente su quanto deve effettivamente all’Erario". Però, rassicura, "nessuno si terrà i suoi soldi. Mal che vada compenserà debiti e crediti futuri".

Magra consolazione per un professionista di 52 anni: fatti due calcoli, al ritmo attuale, finirà di intascare il suo denaro alla soglia degli 80 anni.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali