FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Stalking: lui le offre 1.500 euro e lei rifiuta, ma il giudice "estingue" il reato

Torino, lʼuomo lʼaveva pedinata per cercare di conoscerla. La donna aveva chiesto aiuto alla famiglia, che aveva chiamato i carabinieri. La sentenza motivata dal giudice con la "congruità" del risarcimento

L'ha pedinata, lei lo ha denunciato per stalking. Allora lui le ha offerto un risarcimento, lei l'ha rifiutato. Ma il giudice, proprio in ragione di quel risarcimento (1.500 euro) ritenuto "congruo rispetto all'entità dei fatti", ha pronunciato una sentenza di "non doversi procedere" per estinzione del reato.

La decisione è del tribunale di Torino che, nonostante il diniego della donna, ha giudicato che da parte dell'imputato ci sia stata una "condotta riparatoria". E' questa una delle prime applicazioni di una legge in materia, entrata in vigore il 4 agosto.

La storia - L'uomo, un operaio di 39 anni, come racconta la "Stampa", aveva cominciato a seguire ripetutamente in auto la giovane, una venditrice ambulante 24enne: la voleva conoscere, voleva scoprire i luoghi che frequentava, gli amici, l'eventuale fidanzato. La ragazza si è accorta ben presto di questi appostamenti e lo ha detto in famiglia. Al terzo pedinamento l'operaio è stato bloccato dal padre e dal fratello, che hanno chiamato i carabinieri. E' scattato l'arresto con tre giorni di carcere, e poi il processo con rito abbreviato per stalking.

La vicenda in tribunale - L'avvocato di lui, Piersandro Adorno, sentito dal quotidiano torinese, dice che "l'accusa era comunque sproporzionata ai fatti". Al rifiuto di lei di accettare il risarcimento ha allora sottoposto la questione al giudice, che ha valutato appunto "congrua" la cifra offerta. E ha dichiarato estinto il reato. La sentenza stessa spiega che "il risarcimento del danno può essere riconosciuto anche in seguito a offerta reale formulata dall'imputato e non accettata dalla persona offesa, ove il giudice riconosce la congruità della somma offerta".

Le polemiche - Ma la decisione del gup ha suscitato subito forti polemiche politiche, in primo luogo tra gli esponenti del M5s che, in commissione Giustizia, hanno puntato il dito proprio contro l'articolo approvato sulla giustizia riparativa. "Avevamo proposto che la vittima potesse opporsi alla decisione del giudice o che almeno si escludessero i reati contro la persona come lo stalking".

La vittima a NewsMediaset: "La sofferenza non ha prezzo""Il denaro non guarirà mai le mie angosce e le mie paure": parla così a NewsMediaset la 24enne torinese stalkerizzata da uno sconosciuto 40enne. "Ho vissuto per più di due mesi - ricorda - con un uomo che mi seguiva giorno e notte, anche in presenza del mio fidanzato. Adesso è libero solo per aver firmato un assegno da 1.500 euro che non ho accettato". "Non ne avrei accettati neanche 10mila, perché così il messaggio che passa è che lo stalking è roba di poco conto", commenta la giovane che non si arrende e combatterà ancora per ottenere giustizia.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali