FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Omicidio-suicidio a Cuneo, uccide negoziante e poi si spara

La vittima era il titolare di un negozio di articoli sportivi e di una palestra della città

E' entrato in un negozio di articoli sportivi e ha sparato due colpi di pistola al titolare, uccidendolo. Poi ha rivolto l'arma verso se stesso e si è ucciso. E' successo a Cuneo, in una via del centro.

La vittima è Marco De Angelis, titolare del negozio "Dimo sport", nel pieno centro di Cuneo. Armato di una pistola a tamburo un uomo di 65 anni, G.S., si è diretto verso il negozio poco prima delle 19, mentre il titolare, che avrebbe compiuto 57 anni il 28 luglio, era sulla soglia. Gli ha sparato una prima volta e quando il negoziante, ferito, si è trascinato verso il retro cercando scampo, ha esploso altri due proiettili, questa volta mortali. Poi si è suicidato con la stessa arma.

Il primo a dare l'allarme è stato un amico di De Angelis che sarebbe stato testimone del delitto. Nella serata i carabinieri hanno raccolto altre testimonianze oltre a quelle dell'amico nel negoziante. De Angelis, oltre che del negozio di articoli sportivi, era contitolare di un bar e di una palestra sempre nel centro di Cuneo. Sul movente per il momento i carabinieri non si sbilanciano.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali