FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
DirettaCanale 51

Amianto Olivetti: chiesto giudizio per 33, fra questi anche De Benedetti

La procura procede per lesioni e omicidio colposo in relazione alle malattie, di sospetta origine professionale, che colpirono una quindicina di lavoratori

- La procura di Ivrea ha chiesto il rinvio a giudizio di 33 dei 39 indagati nell'inchiesta sulle morti per amianto alla Olivetti. Tra i destinatari del provvedimento, firmato dai pm Laura Longo e Lorenzo Boscagli, figurano anche gli ex vertici dell'azienda: Carlo De Benedetti, Corrado Passera e Roberto Colaninno. L'accusa è quella di omicidio colposo.

Tutti gli indagati dell'inchiesta - Il rinvio a giudizio è stato chiesto anche nei confronti del fratello di Carlo De Benedetti e dei figli, gli unici fino ad ora che hanno presentato memorie difensive alla procura di Ivrea. Per altri cinque indagati, invece, è stata inoltrata al gip la richiesta di archiviazione, mentre un sesto è deceduto nelle scorse settimane.

La procura procede per lesioni e omicidio colposo in relazione alle malattie, di sospetta origine professionale, che colpirono una quindicina di lavoratori.

Cariche e responsabilità - Carlo De Benedetti è interessato dall'indagine in qualità di amministratore delegato e presidente dell'Olivetti dal 1978 al 1996; il fratello Franco come amministratore delegato dal 1978 al 1989, di vicepresidente dal 1989 al 1992 e di consigliere di amministrazione fino al 1993; il figlio Rodolfo come consigliere di amministrazione dal 1990 al 1997; l'ex ministro Corrado Passera come consigliere di amministrazione dal 1990 al 1996 e amministratore delegato dal 1992 al 1996. Colaninno, invece, è stato amministratore delegato a partire dal 1996.

TAG:
Olivetti
Ivrea
Laura Longo
Lorenzo Boscagli
Carlo De Benedetti
Corrado Passera
Roberto Colaninno