FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Alessandria, uccide il marito al culmine di una lite: arrestata 63enne

Con la coppia viveva il figlio che ha invano cercato di fermare la madre. La donna era tornata a vivere con lʼuomo per motivi economici dopo la separazione. Nel 2010 lʼaveva denunciato per maltrattamenti

Ha ucciso il marito, con una decina di coltellate, dopo l'ennesima lite in famiglia. E' successo a Basaluzzo (Alessandria). Una 63enne, originaria del Mozambico, è stata arrestata dai carabinieri nei dintorni dell'abitazione della coppia: aveva in borsa l'arma insanguinata. La vittima è un italiano di 69 anni, W.C. La donna è stata portata nella caserma dei carabinieri di Novi Ligure. Nel 2010 aveva denunciato il coniuge per maltrattamenti.

Con la coppia viveva il figlio di 24 anni che ha invano cercato di fermare la madre. La 63enne ha colpito il marito usando un coltello da cucina con una lama stretta e lunga 20 cm, ferendolo alle spalle, al viso e al torace. E' poi scappata di casa ma è stata fermata dai carabinieri, accorsi dopo l'allarme dato da una vicina.

La donna ha subito confessato, spiegando che il loro rapporto era minato da continue liti e incomprensioni. L'omicida si era separata qualche tempo fa, andando ad abitare per conto suo, ma era tornata a vivere con il marito costretta dalle difficoltà economiche.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali