FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Parma, nuove violenze in asilo ma i genitori hanno paura di denunciare

In collegamento con Pomeriggio Cinque solo sei mamme: “Le altre sono alla festa della scuola, ma cosa c’è da festeggiare?”

Un nuovo caso di abusi, questa volta in un asilo di Parma, è stato al centro di Pomeriggio Cinque. Barbara D’Urso ha del resto fatto sua la battaglia per rendere obbligatorie nelle scuole e negli ospizi delle videocamere di sorveglianza che monitorino l’operato di chi si dovrebbe prendere cura dei più deboli. Ed è per questo che oggi si è collegata con Parma, con alcune mamme dei bambini che frequentavano l’ennesimo asilo degli orrori: “È stato tremendo sentire mio figlio che urlava ‘mamma’, terrorizzato”, racconta una madre. E un’altra si sfoga indignata: “Qui avrebbero dovuto esserci tutte le mamme, ma oggi sono impegnate in piazza per la festa della scuola. Ma oggi non doveva esserci una festa, bensì uno sciopero per i diritti dei bambini”.

In collegamento con Barbara D’Urso ci sono infatti solamente sei donne, che denunciano che è anche la paura di ritorsioni della maggior parte dei genitori uno dei motivi per i quali finora non sono stati presi seri provvedimenti contro le maestre incriminate. Alla fine del collegamento una ragazza ha chiesto la parola: “Ho frequentato anch’io questo asilo tanti anni fa e ho subito anch’io degli abusi: mi chiudevano in uno sgabuzzino buio e senza finestre perché non riuscivo a dormire. Voglio dire che un altro modo di insegnare è possibile”. E obbligatorio, per il bene di tutti i bambini.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali