FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Isernia, anziano ucciso in ospedale: arrestata infermiera

Decisive le analisi del Ris di Roma su campioni del pigiama dellʼanziano, corrosi dallʼacido che gli aveva procurato anche ustioni a una spalla.

Svolta nelle indagini per l'assassinio di un anziano, Celestino Valentino, 77 anni, in una corsia dell'ospedale di Venafro (Isernia). A un anno dai fatti i carabinieri hanno arrestato l'unica indagata: un'infermiera 45enne che lo avrebbe ucciso facendogli bere soda caustica. L'uomo era ricoverato da diversi mesi al Santissimo Rosario per un'ischemia cerebrale che gli rendeva impossibile ogni movimento. Per la donna l'accusa è omicidio volontario.

Decisive le analisi del Ris di Roma su campioni del pigiama dell'anziano, corrosi dall'acido che gli aveva procurato anche ustioni a una spalla. "Celestino Valentino - ha detto il procuratore Albano in conferenza stampa - non poteva difendersi. Per la sua patologia era immobile a letto da diverso tempo e non poteva neppure gridare". I risultati ottenuti dai laboratori del Ris hanno confermato che si trattava di acido cloridrico, lo stesso acquistato da Anna Minchella in un negozio distante cinque minuti dall'ospedale di Venafro (Isernia).

I carabinieri di Venafro hanno proiettato il filmato registrato dalle telecamere a circuito chiuso del negozio che mostrano l'infermiera mentre acquista il prodotto corrosivo. "Vedete - ha sottolineato il procuratore mostrando le immagini per ricostruire la vicenda - entra e va direttamente allo scaffale dell'acido. Lo preleva, arriva alla cassa e chiede agli altri clienti in fila di poter passare".

Poi, avvalendosi di una piantina dell'ospedale e di varie testimonianze raccolte in fase di indagine, Albano ha ricostruito il percorso successivo: la donna avrebbe raggiunto la stanza dell'anziano, avrebbe chiesto alla caposala di poter prendere le cosiddette 'siringhe a spruzzo' e, al suo rifiuto, le avrebbe poi prelevate autonomamente per poter somministrare l'acido.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali