FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Sisma, "La ri-scossa dei terremotati": bloccata per ore la Salaria ad Arquata del Tronto, sit-in alla Camera e Senato

In piazza contro il governo: "Dopo mesi siamo ancora senza una casa", affermano i manifestanti. Il premier: "Per lʼesecutivo la ricostruzione è una priorità assoluta"

Giornata di protesta per i cittadini delle aree terremotate. Per diverse ore gruppi di manifestanti hanno bloccato la Salaria a Trisungo, frazione di Arquata del Tronto nelle Marche. "La ri-scossa dei terremotati" è lo slogan della protesta che oltre che nelle aree colpite dal sisma si è svolto anche a Roma, con sit-in di fronte alla Camera e al Senato.

Ri-scossa, la protesta dei terremotati contro il governo

"Ultimatum al governo" - "Questo è un ultimatum al governo: o entro una settimana incontreremo a un tavolo il governo, i capigruppo di Camera e Senato e il commissario Vasco Errani oppure bloccheremo l'Italia: basta parole, vogliamo fatti". E' il messaggio lanciato nel corso del presidio davanti a Montecitorio da alcuni comitati delle zone terremotate del centro Italia, tra cui "Quelli che il terremoto" e "La terra trema noi no".

Arrivati con fischietti e striscioni in rappresentanza di 131 Comuni, i portavoce del presidio hanno lamentato scarsa concretezza nella macchina della ricostruzione: "Ci manca una casa, ci manca una prospettiva, non c'è informazione. Nulla è operativo, i decreti non sono attuativi - hanno spiegato - manca la volontà. In sette mesi hanno portato 25 container travestiti da casette, e hanno fatto pure la sfilata. Non ci sono gli aiuti alle imprese. La scorsa settimana Gentiloni ha parlato di cose che non esistono: il miliardo l'anno nel decreto non c'è. Siamo stanchi di parole: se non otterremo risultati concreti bloccheremo il Paese".

Manifestazione in contemporanea in 10 Comuni - La protesta nelle aree terremotate si è svolta in contemporanea in 10 Comuni del cratere: "Tutta Italia è solidale con noi, vogliamo un cronoprogramma ufficiale - spiegano gli organizzatori -. Non ci dite che non ci stanno i soldi, perché per le banche i miliardi sono stati trovati in una notte. Hanno assunto 30 persone alla presidenza del Consiglio. Queste persone non meritano più rispetto, noi non vi amiamo, vi vogliamo mandare a casa, ridateci i nostri soldi".

Gentiloni: "Per il governo la ricostruzione è una priorità assoluta" - La risposta del governo arriva direttamente dalle parole del presidente del Consiglio: "Confermo, e si vedrà con l'approvazione del Def, che l'impegno per il terremoto è una priorità assoluta e l'affronteremo con l'impegno e le risorse necessarie", ha detto infatti Paolo Gentiloni.

Centro Italia, lʼarea del cratere sismico

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali