FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Professore ucciso, finita la caccia allʼuomo: catturato il presunto killer

Sarebbe un rivale in amore lʼomicida di Alessandro Vitaletti, lʼinsegnante assassinato sabato a coltellate fuori da un bar. Lʼuomo aveva più volte minacciato la sua ex

Professore ucciso, finita la caccia all'uomo: catturato il presunto killer

I carabinieri hanno catturato il presunto omicida del professore Alessandro Vitaletti, ucciso sabato a coltellate. E' Sebastiano Dimasi, 55 anni, muratore calabrese, ricercato già dalle prime ore dopo il delitto di Sassoferrato, in provincia di Ancona. Si nascondeva nei pressi della propria abitazione a Scheggia (Perugia). L'uomo avrebbe agito perché geloso del docente, che frequentava la sua ex moglie.

Vitaletti è stato colpito più volte con un coltello dal suo aggressore mentre si trovava davanti a un bar del paese dove viveva. Tutto è cominciato con un diverbio, sfociato in tragedia.

Le minacce del killer alla ex moglie - Dimasi in passato aveva già ripetutamente minacciato la ex moglie (residente a Sassoferrato con i due figli minori) perché non riusciva ad accettare la sua relazione con l'insegnante. E solo pochi giorni fa, il 20 gennaio, la donna lo aveva denunciato ai carabinieri, i quali avevano a loro volta chiesto all'autorità giudiziaria un provvedimento che vietasse al muratore di avvicinarsi ai familiari.

Sabato pomeriggio, un'ora e mezzo prima del delitto, Dimasi era andato a casa della sua ex tentando di entrare, ma lei non gli aveva aperto la porta. Sembra però che la donna non avesse avvertito i carabinieri del blitz, non immaginando che la rabbia dell'uomo avrebbe avuto conseguenze così drammatiche. La relazione fra Vitaletti e la signora, che non vivevano insieme, era ormai consolidata, e nota a tutti in paese.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali