FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Omicidio Pamela, i tre nigeriani incastrati grazie ai loro cellulari

Diciassette chiamate lampo nelle ore del delitto e le celle telefoniche agganciate nella zona dellʼappartamento dellʼorrore

Sono stati traditi dai loro cellulari i tre nigeriani fermati con l'accusa di concorso nell'omicidio volontario di Pamela Mastropietro, la diciottenne massacrata a Macerata. Le celle telefoniche avrebbero confermato la presenza dei tre nella zona dell'appartamento in cui la giovane è stata uccisa. Dai tabulati e dalle verifiche degli investigatori, sono poi emerse ben 17 telefonate, tutte brevissime, effettuate proprio nelle ore del delitto.


Nonostante i tre continuino a respingere le accuse, gli inquirenti hanno pochi dubbi sulla loro responsabilità. A Innocent Oseghale, 29 anni, arrestato il 31 gennaio, si sono aggiunti Desmond Lucky, 22 anni, e Lucky Awelima, 27 anni, fermati venerdì. L'accelerazione dell'inchiesta, che il procuratore Giovanni Giorgio definisce a questo punto "chiusa", si deve al rischio di fuga di Awelima, bloccato in stazione a Milano mentre stava andando in Svizzera. Il movente del delitto però sfugge, ancora non è chiaro. Un'aggressione sessuale? Una colluttazione seguita all'assunzione di eroina da parte di Pamela o per il prezzo della droga? Per accertare questi aspetti, gli investigatori continueranno a scavare.

Ciò che al momento è certo, scrive Repubblica, è che il giorno dell'omicidio, il 30 gennaio, le celle telefoniche che agganciano i cellulari dei tre nigeriani sono tutte nella zona dell'appartamento degli orrori. Quel giorno alle 11 Oseghale accompagna Pamela a prendersi una siringa che le sarebbe servita per iniettarsi una dose di eroina. Tre ore dopo inizia una serie di telefonate lampo: almeno 17 quelle effettuate tra le 14 e le 16. Molte tra Oseghale e Desmond. Quando ad Awelina, lui continua a negare di essere stato a Macerata quel giorno, nonostante il suo cellulare sia stato localizzato nell'appartamento dalle 12 alle 19.

Gli addebiti a carico dei tre sono pesanti: concorso in omicidio, vilipendio, distruzione e occultamento di cadavere, spaccio di droga. Ora tutti sono reclusi a Montacuto, (Ancona), a pochi passi dalla cella dove si trova anche Luca Traini, autore della sparatoria contro i migranti per 'vendicare' Pamela. Sarà il gip nei prossimi giorni a valutare se convalidare o meno le misure cautelari.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali