FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Vimercate, alunni feriscono a colpi di sedia la prof: indagano i carabinieri | Bussetti: "Chi sa, parli"

Lʼinsegnante di 55 anni ha subito un agguato in classe. Il preside: "Ci saranno sospensioni". Dura condanna del ministro: "Potremmo costituirci parte civile"

Una docente di storia di 55 anni è stata vittima di un agguato all'interno della propria classe. E' stata infatti ferita a colpi di sedia durante la lezione che stava tenendo all'interno dell'istituto secondario superiore "Floriani" di Vimercate (Monza). Ancora ignoti gli aggressori visto che per agire hanno spento tutte le luci dell'aula e iniziato a lanciare sedie contro la profesoressa. Ora indagano i carabinieri.

La docente è stata sorpresa alle spalle mentre stava mettendo a posto un registro ed è rimasta ferita a una spalla da alcune sedie lanciate dai suoi studenti. La donna, che ha riportato lesioni guaribili in cinque giorni, ha raccontato ai carabinieri di essere stata aggredita all'improvviso. Qualcuno tra i suoi alunni ha spento le luci dell'aula ed altri le hanno scagliato addosso alcune sedie.

Il preside: "Sospenderemo i colpevoli" - "I responsabili saranno sospesi e avviati a un percorso di volontariato, come è nello spirito della nostra scuola. Qualora non identificati, il consiglio di classe valuterà eventuali provvedimenti per tutti gli studenti". Lo ha detto Daniele Zangari, dirigente scolastico dell'istituto "Floriani". "E' una classe nella media, non particolarmente difficile rispetto alle altre" ha continuato il dirigente "che io sappia non ci sono mai stati problemi con la professoressa". "Ho parlato ai ragazzi, per far comprendere loro la gravità dell'accaduto e spingerli ad assumersi le loro responsabilità - ha proseguito Daniele Zangari -. Finora nessuno ha parlato, ma chi tace non è meno colpevole". Per lunedì 5 il dirigente scolastico ha convocato un consiglio di classe straordinario per parlare agli alunni e ai genitori.

Il ministro Bussetti: "Dura condanna contro la violenza" - "L'aggressione alla docente dell'Istituto Floriani di Vimercate è un atto di violenza che condanno duramente. Ho chiesto un approfondimento all'Ufficio Scolastico Regionale che ha avviato tutte le procedure necessarie per accertare le responsabilità del gesto e valutare la possibilità di costituirci parte civile". Lo ha detto il ministro dell'Istruzione, Marco Bussetti su Facebook. "Si tratta di una vicenda grave rispetto alla quale agiremo con la dovuta fermezza. Ho contattato l'insegnante coinvolta per esprimerle personalmente la mia solidarietà".

"Chi sa deve parlare" - "Invito gli alunni che hanno assistito loro malgrado all'episodio a rifiutare ogni atteggiamento violento e a collaborare con le Forze dell'ordine per fare chiarezza su quanto avvenuto", ha aggiunto il ministro. "La scuola è il luogo per eccellenza della formazione e dell'educazione. Non possiamo tollerare in nessun modo che qualcuno si senta libero di compiere al suo interno simili gesti di violenza", ha concluso.

Altri episodi violenti nel passato della scuola -  La scuola di Vimercate non è la prima volta che viene segnalata per episodi di violenza. Nel maggio 2013 unp studente aveva percosso un professore reo di averlo messo in punizione. Tre anni più tardi c'era stata una brutale aggressione da parte di uno studente 15enne nei confronti di un 17enne durante l'intervallo. E nel maggio di quest'anno un'insegnante era stata denunciata per abuso di esercizio della professione dato che era stato scoperto il fatto che non era laureata.

Insegnanti aggrediti, una piaga senza fine

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali