FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Nigeriana uccisa nel Milanese, arrestato l'ex fidanzato

A metà aprile la donna aveva lasciato l'uomo, un ghanese di 34 anni, al termine di una relazione durata poco più di un anno

I carabinieri hanno arrestato un operaio ghanese di 34 anni con l'accusa di aver ucciso Tunde Blessing, la 25enne nigeriana che il 12 maggio è stata trovata senza vita in un'area verde che costeggia una strada a Mazzo di Rho, nell'hinterland di Milano. L'uomo è l'ex fidanzato della vittima: a metà aprile la donna lo aveva lasciato al termine di una relazione durata poco più di un anno.

I carabinieri del Nucleo Investigativo di Milano hanno eseguito l'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip Angela Laura Minerva.

 

L'identificazione - Il corpo era stato ritrovato nel pomeriggio del 12 maggio in seguito alla segnalazione di una passante, ma lo stato di avanzata decomposizione aveva costretto da subito i carabinieri a collocare la morte a molti giorni prima. La vittima, che si prostituiva nella zona, è stata identificata grazie alla tessera sanitaria che sbucava dalla sua borsa abbandonata accanto al cadavere e, quando gli investigatori hanno inserito il nome nel database, hanno scoperto che risultava una denuncia di scomparsa del 7 maggio.

 

La denuncia e l'autopsia - Quel giorno una sua amica si era presentata alla questura di Novara raccontando di non avere notizie di Blessing dal primo pomeriggio del 3 maggio, quando avevano avuto una videochiamata. In un primo momento si era ipotizzato che fosse stata strangolata con la treccia della parrucca che usava a lavoro: in realtà l'autopsia ha rivelato che è stata soffocata con un elastico.

 

La dinamica - L'uomo, che non si rassegnava alla fine della relazione sentimentale con la vittima, aveva raggiunto la donna sul luogo del delitto, per poi abbandonarla esanime ai margini di una radura. Lo straniero, regolare in Italia, le aveva anche sottratto denaro contante e due cellulari, che aveva poi portato egli stesso a Novara, dove la giovane abitava.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali