FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Neonati morti a Brescia, lo sfogo di unʼinfermiera: "Fiera del mio lavoro"

Le lavoratrici degli SpedalI civili seguono lʼesempio della collega e lanciano una campagna su Facebook. "Orgogliose di quello che facciamo". E parte anche l’hashtag #iostoconlaTindelCivile

Le infermiere del reparto neonatale degli Spedali Civili di Brescia non vogliono più restare in silenzio. Dopo il decesso del quarto bimbo e le polemiche esplose sui giornali, hanno deciso di parlare affidandosi a Facebook. "Sono un’infermiera della Terapia Intensiva Neonatale degli Spedali di Brescia e ne vado fiera!" scrive Linda Sarnico, infermiera da 14 anni. Il messaggio è subito stato raccolto da altre sue colleghe che hanno difeso l’ospedale.

Anche alcuni genitori dei piccoli pazienti ricoverati all'ospedale di Brescia sostengono la campagna social lanciata dalle infermiere e hanno lanciato l’hashtag #iostoconlaTindelCivile. La mamma di Eva, pubblica la foto della figlia prima e dopo il ricovero e scrive: “Non tollero le persone che ora invocano a gran voce la chiusura di un reparto si difficile ma dal quale escono molti più MIRACOLI che sconfitte, grazie al quale io ora posso abbracciare, baciare e coccolare mia figlia”. Mentre un'altra utente ringrazia gli infermieri a cui deve tutto: "Ogni giorno ringrazio Dio e le persone che hanno reso possibile il miracolo della vita per il mio bimbo"

Non mancano neanche le vene polemiche, soprattutto verso i giornalisti accusati di non conoscere la realtà dei fatti. “Per rispetto verso il nostro lavoro certi giornalisti dovrebbero mettersi le dita nel… naso” scrive un’altra infermiera.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali