FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

'ndrangheta e rifiuti, arrestato consigliere comunale nel Varesotto

Paolo Efrem è accusato di emissione di false fatture con lʼaggravante dellʼagevolazione delle cosche

La guardia di finanza di Milano ha arrestato 5 persone nell'ambito di un'inchiesta su infiltrazioni della 'ndrangheta nel settore dei rifiuti. Tra gli arrestati figura anche Paolo Efrem, consigliere comunale di Busto Arsizio, nel Varesotto: per lui l'accusa è di emissione di false fatture con l'aggravante dell'agevolazione delle cosche. L'ordinanza del gip riguarda anche il capo del clan di Legnano-Lonate Pozzolo, Vincenzo Rispoli.

In un comunicato, firmato dal procuratore Francesco Greco, si spiega che il consigliere arrestato è risultato "collegato con esponenti" della "locale" della 'ndrangheta capeggiata da Rispoli, storico esponente della mafia calabrese al Nord ed imputato nel processo Krimisa.

 

L'inchiesta è il seguito dell'operazione "Feudo" della Dda di Milano, che nell'ottobre 2019 aveva portato a undici arresti per traffico illecito di rifiuti e a un sequestro di circa 1,5 milioni di euro. La nuova tranche di indagine ha accertato che la società Smr Ecologia srl, che operava prima nel settore dei trasporti e poi in quello dei rifiuti e che gestiva un impianto di trattamento a La Guzza (Como), ha subìto per lungo tempo "l'infiltrazione da parte di soggetti legati al clan Legnano-Lonate Pozzolo, tra Milano e il Varesotto.

 

Dopo l'arresto, l'imprenditore della Smr ha scelto di collaborare con gli inquirenti. Ciò ha permesso di "ricostruire il contesto estorsivo". Tra il 2014 e il 2018 l'imprenditore "è stato costretto ad erogare utilità di vario tipo", ossia soldi ma anche "assunzioni di personale" a favore della cosca.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali