FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Milano trema per il turista picchiatore: ferma i passanti per informazioni e poi li massacra

Tre i casi segnalati di cittadini picchiati con violenza. Ma le forze dellʼordine non riescono a trovare il folle

Milano trema per il turista picchiatore: ferma i passanti per informazioni e poi li massacra

C'è un ragazzo che gira a Milano, uno di quelli con l'aria "normale", ti si avvicina e chiede informazioni in inglese. E quando meno te lo aspetti, comincia prima ad aggredirti verbalmente e poi fisicamente: una raffica di pugni in faccia. Infine si dilegua. Sono già tre i casi segnalati alla nostra redazione: uno in piazza Bacone, l'altro in zona Solari e infine via Padova.

Le vittime lo descrivono come un ragazzo occidentale, un metro e settanta di altezza, vestito con polo o t-shirt e pantaloni. In tutti i casi ha colpito uomini, giovani anche loro. Ed è stata forse una fortuna, oggi stiamo scrivendo di un "folle" che picchia i passanti e non qualcosa di peggio. Milano, purtroppo, ha nella sua memoria casi più tragici e allo stesso tempo simili.

Il 7 agosto del 2010 Oleg Fedchenko, un ex pugile ucraino, uccide a pugni Emlou Arvesu, filippina di 41 anni che ha avuto solo la colpa di incrociare la sua strada con quella del suo assassino. E' successo in viale Abruzzi, poco distante da piazzale Bacone, teatro del primo incontro col nostro turista manesco.

E come dimenticare l'alba dell'11 maggio 2013: Adam "Mada" Kabobo, il ghanese di 32 anni, terrorizzò la zona Niguarda andando in giro a prendere a picconate la gente. Tre persone hanno perso la vita quella tragica mattina.

Stavolta non siamo ancora di fronte a un episodio di cronaca nera, le autorità intervenute in entrambi i casi possono fare poco non trovando il "colpevole" sul fatto. Invitano le vittime a sporgere querela verso ignoti, d'altronde "ci sono casi più urgenti da trattare" (frase riferita ad una delle vittime di questa vicenda da uno dei carabinieri intervenuti). Si spera che il nostro picchiatore rinsavisca, che non decida di chiedere "informazioni" ad altre persone magari più deboli dei ragazzi di cui siamo venuti a conoscenza. Allo stesso tempo usiamo questo media per mettere in allerta i milanesi e per invitare magari altre vittime a uscire allo scoperto.

Le segnalazioni dei lettori - Le aggressioni, in realtà, potrebbero essere molte più delle tre accertate da Tgcom24. Diversi lettori, infatti, stanno segnalando casi simili avvenuti nelle ultime settimane a Milano. "Anche io sono stato oggetto di una aggressione in largo Cairoli, esattamente con queste modalità", scrive Umberto. "Ieri è successo di nuovo in via Pagano", confermano Laura e Silvia. Un caso analogo è segnalato anche in via San Gregorio, non lontano da piazzale Bacone: "E' stato aggredito un giovane con la stessa tecnica - fa sapere Caterina -. E' stata fatta regolare denuncia". "Idem in zona Piola, chiedeva informazioni per un negozio Bio", commenta Andrea.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali