FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Milano, pizzaiolo violenta una 27enne inglese nel locale vuoto: arrestato

Eʼ successo in zona Bovisa, mercoledì notte. La ragazza senza fissa dimora ha denunciato subito la violenza alle forze dellʼordine

Milano, pizzaiolo violenta una 27enne inglese nel locale vuoto: arrestato

Le ha offerto una pizza, nel locale dove lavorava, e poi l'ha violentata. Mohamed Mansour Mohamed Alì è stato arrestato con l'accusa di violenza sessuale nei confronti di Claire, 27enne inglese che vive senza fissa dimora a Milano e che si arrangia come può accentando l'aiuto di chi glielo offre. Alle tre di notte di mercoledì, il 24enne egiziano ha aperto la pizzeria, appena chiusa, e le ha offerto un pasto caldo. Poi però ha iniziato a fare delle avances e al rifiuto della ragazza l'ha violentata.

L'egiziano ha abusato della ragazza e poi l'ha abbandonata in strada come se nulla fosse accaduto. Come scrive La Repubblica, Claire è corsa subito in pronto soccorso dove è stata accertata la violenza e poi è andata in commissariato per denunciare il fatto. Venerdì il 24enne è stato arrestato, dopo il riconoscimento e l'accertamento del proprietario della pizzeria "Charlie Brown" che ha confermato che l'egiziano lavorava lì. Il proprietario inoltre è stato denunciato per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina: Mohamed Alì è senza documenti in regola.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali