FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Milano, Francesca Nanni nuovo procuratore generale: prima volta per una donna

Ricoprirà lʼincarico appartenuto, in passato, a Francesco Saverio Borrelli, padre del pool Mani Pulite. Resta ancora lunga la strada per la parità di genere in magistratura

Ansa

Per la prima volta nella storia della magistratura è una donna il nuovo di procuratore generale di Milano. L'incarico è stato assegnato dal plenum del Csm a Francesca Nanni, 60 anni, di origini liguri e attualmente a Cagliari. La nomina segna una svolta, anche se tra i procuratori generali le donne sono solo il 14% . In passato questo incarico era stato ricoperto anche da Francesco Saverio Borrelli, padre del pool Mani Pulite.

Resta tuttavia ancora lunga la strada per la parità di genere in magistratura:  le donne, infatti, costituiscono la maggioranza dei giudici, ma gli incarichi direttivi in 3 casi su 4 sono in mani maschili.

 

Per Fabio Roia, presidente vicario del Tribunale di Milano, questa "nomina viene nel solco della prima donna presidente del Tribunale di Milano, che è stata Livia Pomodoro, e della prima donna presidente della Corte d'Appello, che è stata Marina Tavassi" e quindi "completa una presenza femminile negli alti quadri della magistratura milanese". E nell'attuale "assetto" dei vertici giudiziari milanesi "è l'unica donna". 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali